Oltre 100 operai morti in incendio di un impianto per la macellazione di polli

Un inferno. Questa la descrizione piu’ diffusa tra i sopravvissuti del pauroso incendio che e’ scoppiato stamattina in un impianto di macellazione di polli nel nord est della Cina, dove hanno perso la vita almeno 119 operai. Ma il bilancio dei morti potrebbe ancora drammaticamente salire, dal momento che non sono stati ritrovati tanti ritenuti dispersi. Erano da poco passate le 6 del mattino quando si e’ consumata l’ennesima tragedia del lavoro. In quel momento a Mishazi, nella citta’ di Dehui, provincia nord orientale del Jiling, nella Jilin Baoyuan Poultry Company c’erano oltre 300 operai, per il cambio turno. Cento erano impegnati su una linea, altrettanti su un’altra. All’improvviso si e’ udito un forte scoppio, seguito da immediate, possenti e alte fiamme, che hanno avviluppato la struttura prefabbricata di acciaio. Tutti hanno cercato di scappare, alcuni sono rimasti schiacciati dai colleghi, altri non hanno avuto la possibilita’ di uscire dalla struttura il cui interno viene definito come ”complicato”, con porte piccole e strette. Non solo: i cento che sono riusciti a scappare subito hanno trovato i cancelli esterni della fabbrica chiusi, riuscendo a trovare rifugio nel compound. Tra i 54 feriti ricoverati in ospedale, diversi gli intossicati dall’acre fumo nero, mentre altri hanno riportato ferite dovute alla fuga e alla calca. Le autorita’ hanno inviato 67 camion cisterna e oltre 500 pompieri che hanno spento l’incendio dopo sei ore. Ora sono tutti alla ricerca dei dispersi, il cui numero e’ sconosciuto. Nata nel 2009, l’azienda conta oltre 1200 impiegati e processa circa 67.000 tonnellate di prodotti di pollo l’anno. Non si conoscono ancora le origini dell’incendio. Per alcuni e’ stato dovuto da una fuga di ammoniaca che si e’ incendiata, per altri e’ scaturito dall’impianto elettrico, per alcuni le fiamme si sono propagate dagli spogliatoi del personale. Su una cosa tutti sono d’accordo: le misure di sicurezza erano irrisorie. Alcuni responsabili della struttura sono stati portati via dalla polizia per interrogatori. Giusto venerdi’ scorso, il presidente cinese Xi Jinping si era appellato per una ”Cina piu’ sicura”, invocando una campagna nazionale per garantire la sicurezza dei civili, chiedendo maggiori sforzi per risolvere i problemi di sicurezza. Parole che sembrano cadute nel vuoto, vedendo quello che e’ successo oggi, solo l’ultimo di casi simili. Trentatre’ persone sono morte lo scorso 20 maggio nello scoppio di una fabbrica di esplosivi nello Shandong; altri 28 hanno perso la vita in una miniera nel Sichuan lo scorso 11 maggio. Sempre in miniera, nel Jilin, 53 persone sono morte in due scoppi due mesi fa. Venerdi’ un grosso incendio ha distrutto una dei piu’ grandi granai del nord est del paese, senza fare vittime. Per le miniere, il governo ha obbligato i titolari a scendere con gli operai, obbligandoli cosi’ a misure di sicurezza migliori. Ma, molto spesso, i proprietari pagano sosia o sostituti e funzionari compiacenti, evitando cosi’ di mettere in regola gli impianti.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Diritti incivili

Una risposta a “Oltre 100 operai morti in incendio di un impianto per la macellazione di polli

  1. Pingback: Rogo allevamento, dopo 24 ore si cercano ancora dispersi | ParteCineseParteNopeo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...