Sulla Tv cinese, per la prima volta, si parla di Papa Francesco

Per la prima volta, il canale in lingua inglese della televisione cinese ha mandato in onda un talk show sulla “distensione” dei rapporti tra la Cina e il Vaticano. I due paesi non hanno relazioni diplomatiche, ma Papa Francesco sta mirando a riprendere i rapporti, anche scatenando le ire dei cristiani cinesi. Già perchè per farlo, dovrebbe accettare che l’Associazione patriottica decida, seppur in accordo con Roma, i vescovi. Ne ho parlato già qui dove espongo la mia visione critica circa la realpolitik di Bergoglio verso la Cina, sperando di sbagliarmi.

A questo link, invece, potete vedere il talk show a cui è stato invitato Francesco Sisci, giornalista italiano da anni residente in Cina, che a febbraio dell’anno scorso intervistò il Papa.

Lascia un commento

Archiviato in L'oppio dei popoli, Senza Categoria

Le speranze dell’Italia in Cina, oggi a Radio 3 Mondo

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è in Cina da ieri con due ministri e numerosi imprenditori per una visita di stato che tocca Pechino, Shanghai e Chongqing. Incontrerà tra gli altri anche Xi Jinping proprio oggi dopo aver partecipato al business forum tra aziende italiane e cinesi. Che Italia si presenta alla Cina e che  Cina accoglie l’Italia? Quali sono gli spazi e le possibilità? Ne parlo oggi a Radio 3 Mondo dalle 11 su Radio 3 con Alberto Bradanini, ex ambasciatore italiano in Cina, con Guido Santevecchi, corrispondente in Cina del Corriere della Sera, con Giovanni Lovisetti, avvocato milanese consulente del governo di Foshan e con Francesca Spigarelli, direttrice del China Center dell’Università di Macerata.

A questo link trovate l’audio della puntata da ascoltare in streaming, mentre da quest’altro potete scaricare il podcast.

 

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Da Trump si alla “one China” policy, ma a quella made in Usa

Rileggendo bene il comunicato della Casa Bianca (che riporto sotto) circa la telefonata di Trump con Xi Jinping, emerge che si il presidente Usa appoggia la politica di una Cina, ma la sua, che sicuramente non è quella del consenso raggiunto nel 1992. Ne vedremo delle belle.

THE WHITE HOUSE

Office of the Press Secretary

FOR IMMEDIATE RELEASE

February 9, 2017

 

Readout of the President’s Call with President Xi Jinping of China

 

President Donald J. Trump and President Xi Jinping of China had a lengthy telephone conversation on Thursday evening. The two leaders discussed numerous topics and President Trump agreed, at the request of President Xi, to honor our “one China” policy.  Representatives of the United States and China will engage in discussions and negotiations on various issues of mutual interest.  The phone call between President Trump and President Xi was extremely cordial, and both leaders extended best wishes to the people of each other’s countries.  They also extended invitations to meet in their respective countries.  President Trump and President Xi look forward to further talks with very successful outcomes.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Trump chiama Xi Jinping, promette collaborazione e aderisce a politica di “una Cina”

Alla fine la telefonata c’è stata. Donald Trump ha telefonato a Xi Jinping parlando di collaborazione fra i due paesi e di adesione alla politica di “una Cina”, smorzando le polemiche seguite alla telefonata che la leader Taiwanese fece a Trump subito dopo l’insediamento di quest’ultimo. Già nei giorni scorsi Trump aveva mandato un messaggio augurale a Xi Jinping parlando anche di cooperazione tra i due paesi. Di seguito, l’articolo del South China Morning Post. 

US President Donald Trump has reaffirmed the one-China policy in his first phone call with China’s President Xi Jinping after taking office.

In the Friday morning call that was not announced beforehand, Trump told Xi that he fully respected the importance of the one-China policy and that his administration would adhere to it, the state-run China Central Television reported.

Trump made the pledge at Xi’s request, according to the White House.

“The two leaders discussed numerous topics and President Trump agreed, at the request of President Xi, to honour our one-China policy,” the White House said in a statement.

The one-China policy, which recognises that Taiwan is part of China, has been seen as the basis of Sino-US relations since the 1970s.

Friday morning’s call was the first between the two leaders since Trump was sworn in as US president in late January.

The call marked a major shift in Sino-US relations, which entered into a period of greater uncertainty after Trump took office.

Xi was quoted by state television as saying he appreciated Trump’s reiteration of the one-China policy and hoped to work with his US counterpart to promote the steady development of bilateral ties.

Both leaders also agreed to keep close communications, state television reported.

The White House described the call as “extremely cordial” and the two leaders also extended invitations to meet in their respective countries.

Relations between Beijing and Washington have been markedly strained since Trump’s phone call with Taiwanese President Tsai Ing-wen in December after his election victory.

The Trump-Tsai call was the first between a US president or president-elect and a Taiwanese leader since Beijing and Washington established diplomatic relations in 1979.

Beijing has been irked by Trump’s previous remarks on cross-strait ties and has said bilateral relations would be damaged if the US refused to reaffirm the one-China policy.

Analysts believe the Trump-Xi call, which took place on the eve of Japanese Prime Minister Shinzo Abe’s official visit to the White House, was also aimed at easing tensions with Beijing and minimising a potential fallout from Abe’s second face-to-face meeting with Trump.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Esercito cinese: la guerra con gli Stati Uniti sotto Donald Trump non è solo slogan ma può diventare realtà

Lo scrive il South China Morning Post, citando il sito dell’esercito cinese. Qui di seguito l’articolo del giornale di Hong Kong, ripreso anche dal The Guardian.

China is stepping up preparedness for a possible military conflict with the US as the Donald Trump presidency has increased the risk of hostilities breaking out, state media and military observers said.

Beijing is bracing itself for a possible deterioration in Sino-US ties, with a particular emphasis on maritime security.

The People’s Liberation Army said in a commentary on its official website last Friday, the day of Trump’s inauguration, that the chances of war have become “more real” amid a more complex security situation in Asia Pacific.

The commentary written by an official at the national defence mobilisation department in the Central Military Commission said the call for a US rebalancing of its strategy in Asia, military deployments in the East and South China Seas and the instillation of a missile defence system in South Korea were hot spots getting closer to ignition.

Lascia un commento

Archiviato in Esercito del popolo

La Cina dichiara guerra alle Vpn

La Cina ha lanciato una campagna di 14 mesi per bloccare tutte le connessioni internet non autorizzate, a cominciare dalla Vpn (virtual private network). Questi sono servizi a pagamento o gratuiti che permettono di collegarsi dalla Cina (o paesi che applicano restrizioni) a siti non permessi come, nel caso cinese, Facebook, Twitter, Youtube, etc. Altre volte le VPN vengono utilizzate per nascondere il luogo dal quale si collega: il servizio funziona infatti come una triangolazione, per cui l’utente che si collega ad esempio da Pechino, lo fa utilizzando invece un indirizzo di Hong Kong, Amsterdam, San Francisco o altre città “libere”, risultando così che si sta collegando da lì, aggirando le restrizioni. Davvero una bella spallata alla vita in Cina e un serio problema per chi, anche per lavoro, dalla Cina deve navigare su siti considerati illegali. Alla faccia della globalizzazione. Ecco l’articolo del South China Morning Post.

Beijing has launched a 14-month nationwide campaign to crack down on unauthorised internet connections, including virtual private networks (VPN) services – a technology that allows users to bypass the country’s infamous Great Firewall.

A notice released by China’s Ministry of Industry and Information Technology on Sunday said that all special cable and VPN services on the mainland needed to obtain prior government approval – a move making most VPN service providers in the country of 730 million internet users illegal.

The “clean up” of the nation’s internet connections would start immediately and run until March 31, 2018, the notice said.

“China’s internet connection service market … has signs of disordered development that requires urgent regulation and governance,” the ministry said.

The crackdown on unregulated internet connections aimed to “strengthen cyberspace information security management”, it said.

China blocked access to 135 out of 1,000 sites in one ranking of the world’s top websites, including Google, Facebook, Twitter and YouTube, according to Greatfire.org, an organisation that monitors mainland online censorship.

As a result, many internet users in China rely on VPN services to access blocked sites and services.

However, a cat-and-mouse game has been going on for years between the Chinese authorities and VPN service providers.

The last major crackdown on VPN was in March 2016 during the National People’s Congress meeting in Beijing. Many companies complained that their paid-for VPN services were not functioning for up to a week.

Beijing’s censorship of online information and its control of internet access would be particularly vigilant in 2017 for the once-in-a-decade power reshuffle party congress, analysts said.

In addition to the information technology industry, which regulates the internet’s infrastructure, the Cyberspace Administration of China, a dedicated central internet censorship office, pledged loyalty to the Communist Party leadership headed by President Xi Jinping on January 5.

The officials issued a statement which declared one of their priorities in 2017 would be to cultivate an online environment that was “conducive to a successful 19th party congress”.

Two days ago, two websites run by a liberal Chinese think tank, along with other 15 websites, were shut down as censorship tightens ahead of the Communist Party’s meeting.

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Navigar m'è dolce in questo mare, Taci, il nemico ci ascolta

Xi a Davos: nuovo paladino della globalizzazione?

Ha scomodato persino Charles Dickens durante il suo discorso a Davos, nelle Alpi svizzere, il presidente cinese Xi Jinping nella sua prima apparizione al forum economico, dove si è svestito dell’eskimo di anni di comunismo per indossare il mantello del paladino della globalizzazione. “Erano i tempi migliori, erano i tempi peggiori” ha detto, citando l’inizio di “Una storia di due città” di Dickens, per sottolineare che viviamo in un’epoca di forti contraddizioni. Quello che ha parlato a Davos, è un politico misurato, che dosa bene le parole e che si rivolge al mondo globalizzato, nel quale la Cina, volenti o nolenti, ha un ruolo centrale e da protagonista. Ed è la prima volta che il segretario del partito Comunista cinese e presidente della Cina partecipava al forum svizzero. Non è un caso che abbia deciso di farlo in un momento storico internazionale cruciale, alla vigilia dell’inizio della nuova, discussa e controversa, presidenza Usa. E, ascoltandolo, non è certo difficile capire che Xi Jinping si rivolga, in prevalenza, proprio agli Stati Uniti e al suo nuovo presidente, assente eccellente di questo importante appuntamento. Xi Jinping non ha fatto mai esplicitamente il nome di Trump ma in tutto ciò che ha detto è evidente il riferimento al nuovo corso politico ed economico degli Stati Uniti, almeno quello che il magnate di New York in mesi di campagna elettorale e dopo la vittoria ha annunciato soprattutto via twitter, soprattutto in termini di protezionismo economico. Non è un mistero del resto che la Cina sia preoccupata dagli eventuali cambiamenti che potrebbero scaturire con l’incardinamento ufficiale di Trump alla Casa Bianca. Trump infatti ha pubblicamente accusato la Cina di rubare posti di lavoro agli americani, di attuare una politica monetaria scorretta con la svalutazione della moneta cinese, ed ha annunciato provvedimenti per il contenimento cinese, in primis l’aumento dei dazi. Una delle poche nomine di Trump è stata quella di Peter Navarro a capo del consiglio del commercio Usa, lo stesso Navarro autore di “Death by China”. Dobbiamo aspettare comunque che alle parole di Trump succedano i fatti per poter poi esprimere giudizi, per ora siamo nel campo degli annunci. “Non c’è nessun vincitore in una guerra commerciale” ha detto dinanzi a una platea di oltre 1500 persone il massimo esponente del gigante asiatico. “Perseguire il protezionismo – ha aggiunto Xi Jinping – è come chiudersi in una stanza buia. Vento e pioggia vengono tenuti fuori, ma anche la luce e l’aria”. Il presidente cinese, a Davos, vuole impressionare il suo auditorium, facendosi paladino della globalizzazione in un mondo quasi rovesciato e, almeno in parte ci riesce, strappando, con un discorso durato circa un’ora, diversi applausi. “C’è stato un tempo – ha aggiunto – in cui la Cina aveva dubbi sulla globalizzazione economica e noi non eravamo sicuri se aderire o meno al WTO. Ma siamo poi giunti alla conclusione che l’integrazione nell’economia globale è un trend mondiale. Per far crescere la sua economia, la Cina deve avere il coraggio di nuotare nel vasto oceano del mercato globale”. Xi Jinping vuole dare del suo paese un’immagine moderna (anche se restano vivi tutti i problemi legati alla negazione dei diritti civili soprattutto nei confronti di minoranze come Tibet e Xinjiang o di oppositori), diversa da quella del passato, promette di non svalutare la moneta locale, il Renmibi per aumentare le esportazioni, cosa della quale il paese del dragone è stato accusato in passato. Promette insomma correttezza e trasparenza, ma si propone (e si impone) tra gli attori principale sulla scena economica internazionale. E tale vuole rimanere. Il suo è un discorso chiaro, diretto, controllato, forse anche troppo, per chi ha sempre giovato dalla globalizzazione, sfruttando la manodopera a basso costo. Che affascina la massa ma non convince del tutto gli analisti. Sembra tutto troppo studiato, un copione ben scritto e ben recitato. Come quando parla dell’accordo di Parigi contro il riscaldamento globale, definendolo “magnifico” (mentre Trump ha annunciato di volerne uscire). Parla infatti anche di ambiente Xi Jinping, della “responsabilità che ci dobbiamo assumere nei confronti dei nostri figli”. Tutto molto condivisibile, se non fosse che la Cina resta uno dei paesi più inquinati al mondo. Al di là delle analisi, a parlare sono comunque i dati. La Cina, come sottolinea il presidente cinese nella parte finale del suo discorso, è in continua crescita, per il 2016 la crescita è stata del 6,7% e il trend è sempre positivo (nonostante il crollo delle esportazioni registrato negli ultimi due anni di fila). “La Cina ha un enorme potenziale e in futuro intensificherà le riforme” ha detto ancora il presidente. Come a dire che, Trump o non Trump, ad essere tagliata fuori, la Cina davvero non ci sta e il mondo sa che con il dragone deve fare i conti di continuo.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Senza Categoria