Archivi tag: visti per l’italia

Inaugurato a Guangzhou il nuovo centro visti italiani, con sindaco Pisapia

Inaugurato a Guangzhou, ex Canton, il nuovo centro visti per l’Italia. Alla presenza del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e del console generale italiano a Guangzhou, Benedetto Latteri, con le autorità cinesi è stato tagliato il nastro della struttura, la cui apertura si inserisce nella nuova politica di riduzione dei tempi di rilascio dei visti voluta dall’Ambasciata d’Italia in Cina. Dopo Pechino e Shanghai, anche Guangzhou è stata dotata di un centro visti all’avanguardia grazie al quale riuscirà a rilasciare visti per l’Italia in massimo 3-4 giorni, un tempo spesso inferiore a quelli necessari per le pratiche in altre rappresentanze straniere in Cina. “Negli ultimi anni – ha detto il console Latteri – le richieste di visti per l’Italia da parte dei cinesi sono aumentate moltissimo. Siamo passati dai 40.000 dell’anno scorso ai 60.000 di quest’anno, registrando aumenti del 20 % circa ogni anno di media. Cambia anche la tipologia: prima emettevamo per la maggior parte visti business, ora invece le richieste di visto turistico stanno aumentando, segno che l’interesse per il nostro paese da parte dei cinesi è aumentato notevolmente”. “L’inaugurazione di questo centro – ha detto il sindaco Pisapia – viene incontro anche alle esigenze e alle richieste che io ed altri colleghi abbiamo ricevuto dalle comunità cinesi presenti nelle nostre città. Soprattutto in chiave dell’Expo del 2015, dell’alto numero di turisti cinesi che ci aspettiamo sui 20 milioni di obiettivo, lo snellimento dei tempi di concessione del visto è il frutto dell’ottimo lavoro di concertazione tra i vari attori del sistema paese a livello locale e centrale. Facilitare l’arrivo dei cinesi in Italia è diventata ora una necessità”.

Lascia un commento

Archiviato in vita da emigrante

Ambasciatore italiano in Cina e sindaco Milano inaugurano nuovo centro visti italiano a Pechino. Pisapia incontra poi sindaco Pechino

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e l’ ambasciatore italiano in Cina Alberto Bradanini hanno inaugurato oggi a Pechino il nuovo centro visti per i cittadini cinesi che intendono recarsi in Italia. ”L’ inaugurazione del centro – ha commentato Pisapia – ci rafforza sullo sviluppo dei rapporti di Milano con la Repubblica Popolare di Cina e sulla strada verso l’ Expo di Milano del 2015, nella quale il grande Paese asiatico giochera’ un ruolo da protagonista. Si tratta di un ulteriore tassello della ”diplomazia della crescita” che il ministero degli esteri sta portando avanti per ridare slancio all’ economia italiana”. ”Nell’ era della globalizzazione – ha proseguito Pisapia – l’ apertura al resto del mondo, a partire dalla Cina, e’ fondamentale per la competitivita’ delle nostre aziende, per l’ attrazione degli investimenti e per la maggiore conoscenza tra culture spesso molto lontane tra loro”. ”Proprio per questo l’ Italia sta lavorando insieme ai partner europei affinche’ vengano alleggerite le procedure e le normative di rilascio dei visti, anche in vista dell’ Expo del 2015”, ha concluso il sindaco.
Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha incontrato questa mattina il sindaco di Pechino Wang Anshun. Pisapia e’ arrivato a Pechino in un momento storico per la Cina, a pochi giorni dalla fine del terzo Plenum del Comitato Centrale che ha varato un importante processo di riforme che aprirà ancora di più il gigante asiatico al resto del mondo, puntando anche su uno sviluppo urbano sostenibile. Un momento particolarmente significativo anche l’Italia, a poco più di un anno e mezzo dall’ Expo di Milano del 2015. E la gestione del traffico, dei grandi eventi, i nuovi modelli di città intelligenti e la green economy più in generale, sono stati i temi al centro del colloquio. Il sindaco Anshun ha espresso la volontà di proseguire e rafforzare la cooperazione tra Milano e Pechino, in particolare per quanto riguarda le politiche della mobilità e per tutto ciò che è necessario per il miglioramento del benessere dei cittadini. Un altro tassello sul quale rafforzare le sinergie è quello del design che già vede collaborare le due città per l’importanza che entrambe rivestono in questo settore. Pisapia da parte sua ha rilanciato, proponendo una sempre maggiore collaborazione delle eccellenze italiane con Pechino, anche per quanto riguarda la formazione di giovani designer. Altri temi su cui si è insistito sono stati i rapporti tra imprese e le nuove opportunità di investimento nell’area milanese.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in A Esposizione (l'Expo)

Tappa a Shanghai per associazione parlamentare di amicizia Italia-Corea del Nord

Tappa nella capitale economica cinese per l’Associazione parlamentare di amicizia Italia-Corea del Nord, presieduta dall’onorevole Osvaldo Napoli. La delegazione, della quale fanno parte anche i parlamentari Paolo Romani e Antonio Razzi, si e’ fermata a Shanghai prima di raggiungere Pyongyang. ”Siamo stati tra i primi – ha detto Napoli all’ANSA – ad avere relazioni con la Corea del Nord. Puo’ essere una importante occasione per le aziende italiane, visto che e’ tutto ancora da creare. Sul posto gia’ operano due aziende italiane e speriamo che il paese si apra sempre piu’. Noi siamo pronti”. A Shanghai la delegazione ha avuto modo di partecipare al periodico seminario a porte chiuse organizzato dal Consolato Italiano e dall’Ice di Shanghai con gli imprenditori italiani presenti sul territorio. Il console Generale Vincenzo De Luca ha illustrato la situazione delle aziende italiane nel territorio, come il nostro paese sia uno dei punti di riferimento della Cina orientale in termini di investimenti, nonostante il periodo di crisi. A dimostrazione di cio’, l’elevato numero di visti concessi a cinesi dal Consolato, quasi 90.000, numero piu’ alto tra tutti i paesi europei. Trend, quello dell’aumento dei visti, riscontrato anche nelle altre sedi diplomatiche italiane in Cina, grazie alle iniziative messe in campo dall’Ambasciata italiana a Pechino. Le aziende italiane a Shanghai e nelle province limitrofe hanno potuto informare i membri del parlamento italiano della situazione che vivono e di quanto si dovrebbe fare a livello governativo italiano per sostenerle, considerando le difficolta’ che anche un colosso economico come la Cina sta affrontando. ”Incontrare le aziende che vivono il territorio e’ sempre molto importante – ha detto all’ANSA l’ex ministro Paolo Romani – ci da’ la possibilita’ di toccare di persona le esigenze e le difficolta’ che incontrano. La Cina non e’ una minaccia ma una risorsa anche se bisogna lavorare pure a livello governativo per fornire tutti gli aiuti possibili e il sostegno che queste aziende meritano. Non dobbiamo lasciarle sole, dobbiamo mettere in campo azioni per lo sviluppo che ne sostengano le attivita”’.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Accà e allà (notizie dall'area)

Enit porta in mostra Italia a Shanghai, record di visti

Inaugurata a Shanghai la terza tappa cinese del progetto Bric dell’Enit ”Italia comes to you”, il programma del Ministero del Turismo italiano incentrato sullo sviluppo del turismo incoming in Italia da Brasile, Russia, India e Cina. L’evento di apertura si e’ svolto all’interno del prestigioso centro commerciale Times Square, nel centro di Shanghai, con un’esposizione delle opere eseguite da 10 artisti cinesi in seguito a un loro precedente viaggio in Italia. L’evento, impreziosito dalla presenza di due opere italiane del ‘500 (la statua in bronzo Camillus di Guglielmo della Porta e la tela di Giovanni Domenico Ferretti I commentatori di Cicerone), fa da cornice alla promozione dell’offerta turistica delle regioni italiane presentate attraverso diversi materiali informativi Protagonisti della cerimonia del taglio del nastro il console generale di Shanghai Vincenzo De Luca, insieme alla delegata Enit per la Cina Autilia Zeccato, al responsabile del progetto Bric in Cina Tommaso Debenedetti e a numerose autorita’ cinesi. Come ha fatto notare il Console De Luca, il flusso turistico di stranieri verso l’Italia e’ in crescita esponenziale, anche analizzando solo i dati della circoscrizione consolare di Shanghai. ”Se consideriamo il periodo dal 1 gennaio al 31 agosto 2011 i visti turistici per l’Italia sono aumentati in Cina del 100% di media tra individuali e gruppi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, grazie anche allo sforzo che le nostre sedi diplomatiche hanno fatto per semplificarne l’iter e i tempi di attesa”. Secondo dati del Consolato, infatti, da gennaio fino a settembre di quest’anno sono stati rilasciati 42.265 visti tra individuali e di gruppo, con un incremento, rispetto all’anno passato del 23,5% dei visti individuali e del 202,2% di quelli di gruppo. ”L’Italia – continua De Luca – ha il primato del turismo individuale cinese in Europa, mentre per il turismo di gruppo siamo gia’ al secondo posto. Una posizione che possiamo migliorare facilmente attraverso il potenziamento del sistema dei trasporti aerei, dal momento ogni settimana fra Shanghai e l’Italia di collegamenti aerei diretti ne abbiamo solo 9, troppo poco se si pensa che fra Shanghai e Parigi se ne contano gia’ 21”. Il responsabile di ”Italia comes to you” in Cina Tommaso De Benedetti ha manifestato una grande soddisfazione per il successo di pubblico che hanno ottenuto gli eventi di Canton, Pechino e Shanghai, in collaborazione con l’Ambasciata Italiana a Pechino, dei Consolati di Canton e Shanghai, degli Istituti di Cultura, del Ministero dei Beni Culturali, Viva Group e Interexpo, con risultati soprintendenti: circa 120 mila i visitatori, sono stati coinvolti 150 tour operator, oltre 100 giornalisti, 15 televisioni e numerose radio. Inoltre piu’ di 800 ospiti hanno partecipato a dibattiti, incontri B2B, eventi, degustazioni e cene di gala.

Lascia un commento

Archiviato in Turisti per forza

Presentato a Pechino progetto di promozione dell’Enit

Si è svolta oggi a Pechino nei locali dell’Istituto Italiano di Cultura una conferenza stampa per il lancio del progetto messo a punto dall’Enit specificamente per i Paesi del cosidetto Bric (Brasile, Russia, India e Cina): “Italy comes to you”, per rafforzare il turismo in Italia nei quattro principali Paesi emergenti. Presenti al lancio il capo-progetto dell’Enit, Tommaso De Benedetti, e l’Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica Popolare Cinese, Attilio Massimo Iannucci, che hanno illustrato il Progetto alla folta platea (oltre 115 presenze tra giornalisti e operatori del settore turistico) accorsa in Ambasciata. Particolarmente incoraggianti sono stati i numeri forniti dall’Ambasciatore Iannucci relativamente ai visti per turismo concessi dalla rete diplomatico-consolare italiana sul territorio della Repubblica Popolare Cinese: nei primi 7 mesi del 2011 sono stati rilasciati più di 137mila visti, con un incremento del 40% rispetto allo stesso periodo del 2010; di questi 137 mila, oltre 100mila sono visti per turismo (con un incremento anche qui del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente); nel solo mese di luglio, a Pechino, l’impennata ha raggiunto il 50%, con un record di 15.172 visti rilasciati. “Si tratta di un trend molto positivo – ha dichiarato l’Ambasciatore Iannucci – che va però ulteriormente incoraggiato. Un plauso va fatto al personale dell’ufficio consolare e dell’Enit, che lavorano assieme, talvolta anche a tarda sera, per soddisfare una crescente domanda di visti da parte cinese. Questo afflusso di massa di turisti cinesi sicuramente contribuisce a rilanciare il nostro settore turistico, valorizzando il Bel Paese come meta turistica preferita dai cinesi. Tra i Paesi oggetto di questa mirata campagna promozionale dell’Enit, la Cina presenta delle enormi potenzialità, anche in considerazione dello straordinario patrimonio artistico, culturale e paesaggistico che esercita una fortissima influenza sulla popolazione cinese. Mi auguro che nel prosieguo dell’anno possiamo, con adeguati mezzi a disposizione, proseguire su questa strada del rafforzamento dei rapporti italo-cinesi, secondo quanto indicato dal Ministro degli Esteri Franco Frattini”.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in Turisti per forza