Archivi tag: uomini cinesi

Manager e dipendenti pubblici i mariti ideali per le ragazze di Shanghai

Sono i manager e i dipendenti pubblici i mariti più sognati dalle ragazze di Shanghai. Lo riferisce lo Shanghai Daily, riportando i risultati di una recente ricerca. Altro importante requisito per scegliere un marito è che possegga almeno una casa. Oltre 2600 cittadini di Shanghai, il 45% dei quali di sesso femminile, hanno partecipato ad un sondaggio on line effettuato sul sito Baihe.com. Circa il 60% degli intervistatati ha un’età inferiore ai 30 anni e circa il 50% ha una laurea o almeno un diploma. Oltre un terzo delle donne intervistate hanno dichiarato di prediligere, per un eventuale matrimonio, uomini che abbiano una posizione lavorativa solida, possibilmente dirigenziale. Al secondo posto, tra i più richiesti, i dipendenti dello stato. A seguire ancora, tecnici e ingegneri. “Spero che il mio futuro marito possa essere un dipendente dell’amministrazione perché il fatto che abbia un’occupazione stabile mi da un senso di sicurezza – ha commentato una ragazza di 27 anni – oppure un dirigente perché i dirigenti hanno grandi responsabilità e uno spirito intraprendente, e hanno una visione ampia delle cose”. Oltre il 64% delle donne intervistate hanno dichiarato che solo quando i due partner possono contare su una casa di proprietà è il caso di sposarsi. Oltre il 42% delle donne hanno detto di voler chiedere ai loro futuri mariti di aggiungere il loro nome sul certificato di proprietà della casa, e del resto, il 60,5% degli intervistati di sesso maschile hanno detto che sarebbero disposti ad aggiungere i nomi delle loro mogli, cointestando quindi la proprietà, anche se di fatto acquistata solo da loro.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Oltre 20.000 cuori solitari riuniti a Shanghai

Oltre 20.000 single hanno partecipato ad una manifestazione per cuori solitari presso l’Expo Park di Shanghai. Secondo quanto riferisce la stampa locale, a partecipare sono state soprattutto le giovani donne, accompagnate nella maggior parte dei casi dalle madri. Come Sylvia Wang, 24 anni. Laureata negli Stati Uniti e poi rientrata in Cina, Sylvia confessa di aver partecipato solo per far contenta sua madre che vuole che lei si sposi e si sistemi quanto prima. ”Tra i requisiti per un eventuale marito per me mia madre ha indicato il fatto che abbia una posizione economica stabile, almeno una casa e un’automobile di proprieta’ – ha detto la ragazza – io invece spero soprattutto che abbia i miei stessi interessi e idee”. L’ingresso all’evento era gratuito anche se ad ogni partecipante era stato chiesto di pagare 50 yuan (poco piu’ di 5 euro) per ogni accompagnatore. ”Ho partecipato anche l’anno scorso – ha raccontato Ye Peiyi, un ingegnere di 28 anni – e quest’anno ho deciso di ritentare la fortuna. Finora non ho trovato nessuno che possa andare bene per me. Io non ho fretta, ma sono i miei genitori che mi fanno un sacco di pressioni”. Per facilitare gli incontri durante l’evento erano state posizionate delle lavagne dove gli aspiranti mogli/mariti (o piu’ spesso le loro madri) potevano lasciare dei biglietti con le proprie richieste o le proprie offerte. Molti i genitori che hanno partecipato da soli, dicendo che i loro figli erano troppo timidi per intervenire direttamente. In Cina e’ usanza che – specie le donne – si sposino entro i trent’anni. Le famiglie quindi, approssimandosi la fatidica data senza che il figlio/a abbia trovato un compagno/a, cominciano ad organizzare incontri combinati. ”I genitori dovrebbero tuttavia rispettare la liberta’ e la volonta’ dei figli – ha commentato Zhou Juemin, direttore dell’associazione per gli incontri combinati di Shanghai – e comunque sempre di piu’ i giovani cinesi si ribellano a queste usanze e cercano amore e romanticismo. Oggi le donne sono incoraggiate ad agire con coraggio per perseguire l’amore”.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Boom di nascite in anno del dragone, si costruiscono ospedali

Saranno 200.000, quattro volte quelli del 2004, i bambini che nasceranno quest’anno a Pechino. Le stime sono della municipalita’ della capitale cinese che considera l’aumento legato all’anno del dragone, cominciato a febbraio per l’oroscopo cinese, durante il quale normalmente nascono piu’ bambini perche’ i nati sotto questo segno sono considerati migliori rispetto agli altri di altri segni. Per questo, la municipalita’ ha pianificato di costruire altri tre ospedali e realizzare entro la fine dell’anno una rete di centri di assistenza e sanita’ per i bambini. Nel 2004 a Pechino sono nati 98.000 bambini, 161.000 nel 2007 (anno del maiale, altro segno considerato favorevole per le nascite) e 171.000 nel 2008. Un portavoce della municipalita’ ha riferito che la citta’ ha abbastanza posti letto per tutte le donne incinte dell’anno del dragone, ma molte di queste vogliono partorire nelle strutture considerate vip, contrassegnate dalla tripla ‘A’, il cui numero e’ inferiore alle richieste.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Successo per blog che aiuta a cercare mogli ai poliziotti troppo impegnati

Grande successo sta suscitando in rete in Cina un nuovo blog che mira a combinare incontri per far trovare potenziali fidanzate e mogli ai poliziotti ancora single. L’iniziativa e’ stata adottata dalla Commissione di Pubblica sicurezza di Chengdu, nella provincia del Sichuan, per aiutare gli agenti che, a causa dei troppi impegni, hanno problemi a trovare l’anima gemella. Il sito ha gia’ in poco tempo raggiunto 2000 utenti registrati e sta riscuotendo molto successo. Alcune donne tuttavia, lamentano il fatto che gli agenti si colleghino poco, solo durante la pausa pranzo o a tarda sera, dopo la fine del turno. ”Sono tutti molto affascinanti – ha commentato una utente entusiasta -. E’ molto difficile scegliere, per cui per ora mi sono solo registrata”. Shi Yi, vice direttore della Commissione di pubblica sicurezza, ha sottolineato come la decisione di aprire il blog sia stata decisa proprio per migliorare le occasioni di vita sociale degli agenti, che spesso a causa del loro lavoro fanno una vita solitaria. Tuttavia Shi ha detto di non sapere se qualcuno degli agenti ha gia’ un appuntamento. ”Questo dipende solo da loro”, ha concluso.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Istituita agenzia governativa per matrimoni tra cinesi e taiwanesi

Il Ministero degli Affari civili cinese ha deciso di istituire un agenzia di consulenza per i matrimoni tra cinesi e taiwanesi. Lo riferisce il China Daily. Da quando, nel 1987, per la prima volta fu concesso alle persone di Taiwan di recarsi in Cina, sono sempre in aumento i matrimoni tra taiwanesi e cinesi. Questo ha determinato la necessita’ di creare un dipartimento governativo dedicato alle esigenze e ai problemi di queste coppie, per aiutarli ad affrontare anche problemi pratici quali quelli connessi alla registrazione del matrimonio, all’occupazione e alla previdenza sociale. Il nuovo ufficio avra’ sede a Pechino non appena sara’ individuato un edificio opportuno e sara’ reclutato il personale necessario per gestirlo. La notizia e’ stata accolta con favore da molti taiwanesi, che hanno sottolineato come soprattutto la registrazione del matrimonio tra coppie ”miste” sia estremamente complicata e farraginosa e come quindi sia utile un ufficio che possa guidare e aiutare le coppie ad effettuarla correttamente. ”Spero che le procedure verranno semplificate – ha commentato Leo Hsieh, un taiwanese sposato dal 2009 con una donna di Pechino – sarebbe poi anche importante che le autorita’ taiwanesi, da parte loro, frapponessero minori ostacoli nel concedere la residenza ai coniugi provenienti dalla Cina. Tanto piu’ considerando che, se il coniuge proveniente da altri paesi esteri la cosa e’ molto piu’ facile e veloce e questo e’ irragionevole”. Le statistiche del Ministero mostrano che negli ultimi 5 anni ci sono state oltre 60.000 coppie taiwanesi-cinesi che hanno registrato il loro matrimonio in Cina.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Anno del dragone, previsto boom di nascite

Mentre il popolo cinese si appresta a salutare l’anno del coniglio e a dare il benvenuto all’anno del dragone, ci si aspetta un boom di nascite in Cina per il 2012. Secondo la credenza popolare, infatti, nascere nell’anno del dragone e’ di buon auspicio per la vita futura per cui sono moltissime le coppie che hanno programmato di avere un figlio nel corso dell’anno. Il dragone, infatti, e’ considerato un animale portatore di buona fortuna nella tradizione cinese. Nei tempi antichi la gente credeva che i bambini nati nell’anno del dragone crescessero baciati dalla fortuna e fossero destinati a ricoprire posizioni di potere nel lavoro e nella societa’. Anche se le giovani generazioni sono meno portate a obbedire alle credenze popolari, il dragone esercita sul popolo cinese ancora un notevole fascino. Anche gli ospedali e i centri per la maternita’ si aspettano un sovraccarico di lavoro. ”Tra pochissimo parte l’anno del dragone – spiega Han Shuxia, una infermiera di un ospedale specializzato per le nascite – sappiamo gia’ che arriveranno molte piu’ donne incinte del normale quest’anno e ci stiamo preparando per garantire a tutte la possibilita’ di essere accudite con la stessa attenzione e di poter avere un sano figlio del dragone”.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Migliaia di matrimoni nel giorno dei single

Migliaia di coppie cinese hanno deciso di sposarsi nel ‘giorno dei single’, celebrato oggi per la data di tutti gli ‘uno’ inclusi nell’ 11 novembre 2011. L’uno è una sola stanghetta, e per questo è stato scelto come simbolo di chi non ha trovato l’ anima gemella. Nella sola Shanghai, le coppie che oggi mettono fine al loro status di ‘solitari’ sono 3.300; pochi in meno, 3.000, si sposano a Nanchino, nel sud. Le recenti statistiche hanno dimostrato che in Cina lo squilibrio tra i sessi – con le nascite di maschi che superano nettamente le neonate femmine – si sta aggravando: milioni di giovani potrebbero trovarsi nei prossimi anni nell’ impossibilità di trovare moglie. I single, a loro volta, hanno deciso di celebrare il giorno a loro dedicato trovandosi con gruppi di amici, di entrambi i sessi. Ye Di, uno studente di 23 anni nella provincia settentrionale del Gansu, ha detto di sentirsi “particolarmente triste” per la sua condizione ma anche di volersi “godere” la giornata. Una rara ragazza single, Xie Hui, impiegata a Shanghai, ha affermato di aver organizzato una cena fuori con gli amici. “I ragazzi hanno già’ prenotato in un posto molto romantico. In realtà questa celebrazione è solo una scusa per stare insieme e divertirsi”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese