Archivi tag: investimenti cinesi

Creata in Cina prima società di investimenti privata nazionale

Creata in Cina la prima società privata di investimenti a livello nazionale. Con la benedizione ad aprile del Consiglio di Stato (il governo popolare centrale, principale autorità amministrativa dello Stato), ha cominciato le sue attività la China Minsheng Investment, con capitale registrato di 50 miliardi di yuan, oltre 6 miliardi di euro, fondata dalle più importanti 59 società private cinese. Sono aziende che rappresentano diversi settori, come il macchinario, metallurgico, information technology, assets management, protezione ambientale, nuove tecnologie, energia ed e-commerce, e che non possono possedere più del 2% della nuova società. Prima della nascita della China Minsheng Investment, a livello nazionale era presente solo il fondo sovrano cinese, la China Investment Corp.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Agenzia Ice porta Italia a fiera investimenti in Cina

Anche l’Italia alla fiera per l’attrazione di investimenti cinesi all’estero, che ha aperto ieri i battenti a Xiamen, nella provincia sud orientale cinese del Fujian. L’agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, l’ex Ice, partecipa infatti con un proprio stand alla China International Fair for Investment & Trade (Cifit), una piattaforma di incontro tra le principali agenzie per la promozione degli investimenti e potenziali investitori cinesi. L’edizione 2011 ha registrato la presenza di espositori provenienti da 62 Paesi e di 70.000 visitatori, di cui 55.000 cinesi e 15.000 stranieri. ”Uno dei compiti fondamentali della nuova Agenzia Ice – ha dichiarato il Presidente Riccardo Monti – e’ quello di promuovere l’Italia concentrandosi sull’attrazione degli investimenti diretti esteri, un’attivita’ di importanza fondamentale per la ripresa della crescita e del mercato occupazionale interno. La leva degli investimenti esteri – ha proseguito il Presidente dell’Agenzia ICE – rappresenta un potenziale non del tutto sfruttato nel nostro Paese. E’ necessario recuperare il ritardo accumulato in modo particolare verso mercati come la Cina che, da paese di destinazione, sta divenendo un esportatore significativo di capitali destinati sempre piu’ ad investimenti produttivi e non solo finanziari. Il Cifit di Xiamen viene quindi a rappresentare un appuntamento importante per far conoscere le numerose eccellenze italiane in chiave di attrazione degli investimenti”. L’agenzia Ice cura anche in fiera sia l’organizzazione di un seminario di presentazione dell’Italia, ove saranno evidenziate le opportunita’ di investimento sul territorio, che la partecipazione alla ‘2012 Round-Table Conference for World Chamber Leaders’. I settori che saranno presentati nel corso del seminario riguardano la logistica, le energie rinnovabili (per le quali l’Italia rappresenta il quarto piu’ importante paese investitore all’interno del G20 dopo USA, Cina e Germania), le biotecnologie (al terzo posto in Europa dopo Germania e Gran Bretagna per numero di aziende che vi operano) e l’information and communication technology, settore per il quale l’Italia rappresenta il quarto mercato in termini di ampiezza e capacità in Europa.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Per la H3G la Cina ha investito in Italia più di tutti, secondi solo al piano Marshall

”Con 12 miliardi di risorse, abbiamo fatto il piu’ grande investimento in Italia dopo il piano Marshall. Siamo il contrario del mito della Cina della cattiva qualita’ e della contraffazione”. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato di H3G, Vincenzo Novari, aprendo la sua audizione alla Commissione lavori pubblici della Camera. ”Spero che siate tutti consapevoli che la Cina non compete piu’ sui prezzi bassi, ma sull’alta tecnologia. Huawei assume ogni anno per la ricerca e lo sviluppo 15 mila ingegneri, in Italia quel numero sono tutti i laureati in Ingegneria!” ha continuato Novari.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Aumentano investimenti stranieri a gennaio

Gli investimenti diretti stranieri (Fdi) in Cina sono cresciuti del 23,4% in gennaio, toccando i 10,03 miliardi di dollari. Lo ha affermato oggi il portavoce del ministero del commercio di Pechino, Yao Jian. ”La crescita – ha precisato il portavoce – e’ stata piu’ forte nelle regioni occidentali che in quelle centrali e orientali”. Finora gli investimenti stranieri si erano concentrati nelle regioni costiere della Cina orientale e meridionale, oltre che in alcune metropoli come la capitale, Pechino. Lo spostamento del flusso di investimenti verso le regioni meno sviluppate del nord e dell’ovest del paese e’ uno degli obiettivi principali della politica economica del governo cinese.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)