Archivi tag: gaokao

Io so io e voi non siete un c… Nella riforma degli esami di stato, si pensa a togliere l’inglese

Il Ministero dell’Istruzione cinese ha pubblicato una proposta di riforma del cosiddetto gaokao, l’esame di stato per l’accesso ai college universitari del paese. Lo riferisce la stampa locale. La riforma, a quanto si apprende, consisterebbe principalmente nella rimozione dell’inglese tra le materie di esame. Secondo il piano, la riforma sara’ attuata inizialmente dal 2014 ma solo in alcune province che funzioneranno da pilota per poi essere estesa ad altre nel 2017. Nel 2020 dovrebbe poi invece entrare in vigore un nuovo sistema di esami e di accesso al college, operativo in tutto il paese, di cui si stanno ancora studiando le caratteristiche precise. ”Per gli studenti sara’ un grosso sollievo – spiega il vice ministro per l’istruzione, Liu Limin – non doversi preparare al test di inglese”. Gli studenti potranno comunque effettuare dei test di inglese più di una volta durante l’anno, ma verrà conteggiato solo il punteggio piu’ alto ottenuto. Intanto, a sostegno della prevista riforma, la municipalita’ di Pechino ha deciso di ridurre per il gaokao 2014 la difficolta’ dei test di inglese riducendo le parole da 3500 a 3080. Secondo alcuni, tuttavia, il problema del gaokao non e’ tanto quello relativo alle materie ma al fatto che di fatto, attraverso questo sistema, l’accesso ai migliori college e’ consentito solo a chi ottiene punteggi alti agli esami senza tener conto di altri fattori. Per gli studenti cinesi il gaokao e’ vissuto ogni anno con paura, essendo visto come l’unica chance per accedere ad un buon college universitario. La pressione spesso esercitata dalle famiglie e dalla societa’ in questo periodo dell’anno fa si che in prossimità del gaokao aumentino ogni anno i suicidi tra i giovanissimi.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Padre e sorella lo pressano per lo studio e lui li fa uccidere

Uno studente delle superiori ha assoldato due killer per uccidere suo padre e sua sorella che gli facevano troppa pressione per indurlo a studiare. Secondo quanto riferisce la stampa locale, Gao Tianfeng, un uomo di 49 anni e sua figlia di 20 anni sono stati trovati morti nella loro casa nella provincia centrale dell’Henan dopo che i vicini hanno dato l’allarme avendo sentito strani rumori. Le telecamere di sorveglianza hanno poi effettivamente mostrato due uomini magri scavalcare il muro di cinta e proprio all’ora della morte. Dopo le prime indagini e interrogatori, i sospetti si sono concentrati sul figlio adolescente di Gao che frequenta una scuola a circa 70 chilometri dalla casa paterna. Secondo la ricostruzione della polizia il ragazzo avrebbe conosciuto via internet due loschi individui e li avrebbe assoldati per uccidere il padre e la sorella: colpevoli, per il giovane, di “fargli troppa pressione sullo studio”. Ma le indagini sono tuttora in corso. Intanto sulla rete si sono diffuse molte ipotesi. E alcuni sottolineano anche il fatto che la vittima era un uomo facoltoso e potrebbe aver avuto nemici. Questo è il terzo episodio di sangue recente legato al presunto ‘stress’ di studenti cinesi. Il 3 maggio scorso, in due casi separati, un ragazzo di 15 anni e un altro di 13 si sono suicidati per non essere riusciti – pare – a finire i compiti. Molti accusano il sistema scolastico d’essere ferocemente competitivo e di creare frustrazione. Si calcola che gli studenti cinesi passino mediamente 8,6 ore al giorno in classe e diverse altre ore impegnati nello studio a casa.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Aumentano divorzi dopo esami per accesso al college

Aumenta a Pechino il numero dei divorzi nel periodo successivo l’esame di stato degli studenti che permette l’accesso ai college universitari nazionali. Lo rivelano dati raccolti dal Beijing Legal Times. Secondo quanto hanno riferito al giornale diversi giudici, nei 20 giorni precedenti al gaokao sono quasi nulle le richieste di divorzio da parte di genitori tra i 40 e i 50 anni, quindi genitori di ragazzi che sono sottoposti all’esame, che invece rappresentano il 70% di coloro che a giugno, periodo di esami, chiedono di divorziare. E proprio l’esame, lo stress che comporta e le scelte successive sono una delle maggiori cause di divorzio addotte dai genitori. Dall’11 giugno scorso, infatti, il primo giorno lavorativo dopo l’esame, il numero delle richieste dei divorzi è aumentato: i dati non sono ancora definitivi, ma nel 2011 nei 20 giorni seguenti all’esame di stato il numero dei divorzi (che in Cina viene concesso in tempi brevissimi) era di 2,3 volte superiore al numero dei divorzi prima del gaokao. Secondo gli esperti, questo perché non solo i genitori temono che il loro divorzio possa influire sulla riuscita dell’esame dei figli (e quindi lo rimandano fino a dopo l’esame ritenuto0 cruiciale per il percorso accademico dei ragazzi cinesi), ma anche perché proprio il risultato dello stesso spesso scatena le liti in famiglia fra i genitori, che pretendono molto dai loro figli. Le statistiche, inoltre, dicono che prima o durante l’esame i genitori che chiedono di divorziare adducendo proprio contrasti sul gaokao, vedono rifiutata la loro domanda, cosa che invece non succede dopo l’esame. Secondo gli esperti citati dal giornale, lo stress emotivo per il gaokao da parte dei genitori, acuisce i contrasti già presenti e determina così la decisione di divorziare.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Fermato avvocato democratico Xu Zhiyong

L’ avvocato democratico cinese Xu Zhiyong, fondatore dell’ organizzazione non governativa Costituzione Aperta, è stato fermato oggi dalla polizia a Pechino. Lo affermano amici dell’ avvocato. Il fermo sarebbe collegato alla denuncia da parte di Xu delle discriminazioni a favore dei residenti di Pechino tra gli studenti che affrontano il “gaokao”, l’ esame di ammissione agli studi superiori. Milioni di studenti cinesi affrontano oggi e domani il “gaokao”.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Senza Categoria

Vuoi superare gli esami? Fatti di aminoacidi

E’ questa la ricetta degli studenti della scuola superiore Numero Uno di Xiaogan, in Hubei. Qui un telefonino ha ripreso una classe impegnata in una attività extracurricolare che, tra le pile di libri, avevano flebo collegate alle braccia dei ragazzi. In queste flebo, aminoacidi per aiutarli nello studio e smontare lo stress, molto sentito dagli studenti quando si avvicinano gli esami nazionali, i temuti gaokao, dal cui risultato dipende l’accesso alle università migliori. Il tasso di suicidi durante il periodo pre-esami è tra i più alti in Cina fra i ragazzi. La competitività, che è il sale degli esami, è diventata sempre più forte e sentita dal momento che i cambiamenti nella società cinese spingono le famiglie a puntare molto sull’unico figlio affinché diventi ricco e famoso. Già in passato si era parlato di trucchi e di uso di sostanze stupefacenti per gli esami, ma le immagini diffuse su diversi siti hanno scatenato forti polemiche. Giudicate voi.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Tempo di esami, tempo di copioni

E’ febbre da esami in questi giorni in Cina: circa 9,2 milioni di studenti e le loro famiglie sono in fibrillazione per il cosiddetto ‘gaokao’, la selezione per l’accesso al college, da molti studenti delle scuole superiori, considerato l’esame della vita. E si cerca in tutti i modi, leciti o illeciti, di superarlo. Durante i tre giorni di esami (cominciati oggi e in corso fino al 9 giugno in tutto il paese), i ragazzi cinesi e i loro familiari sono sottoposti a una enorme pressione sociale in quanto si ritiene che dalla buona riuscita della selezione e dalla possibilità o meno di entrare in uno dei college più prestigiosi possa dipendere la futura carriera e realizzazione personale dello studente. Questo aumenta anche l’uso di strumenti illeciti. Tutti gli anni la polizia cinese, nei giorni del ‘gaokao’ si mette sulle tracce di vere e proprie organizzazioni che predispongono aiuti di vario genere agli studenti. Microtrasmittenti, radioline, walkie talkie, cellulari piccolissimi da posizionare sulle orecchie, tutti mezzi insomma per fare in modo che lo studente, durante le prove, possa mettersi in contatto con il mondo esterno e ottenere la soluzione ai difficili quesiti. Quest’anno la polizia ha già arrestato 62 persone coinvolte in operazioni del genere e sequestrato centinaia di strumenti elettronici di vario tipo pronti per essere venduti. La novità di questa edizione di esami è che erano disponibili, dietro cospicui pagamenti, anche documenti con le risposte dei quesiti oggetto dell’esame. La commissione per l’istruzione e gli esami di Pechino ha fatto sapere che gli studenti che non prenderanno sul serio il loro compito o cercheranno di aggirare il problema con il ricorso a sistemi non leciti saranno squalificati e non potranno prendere parte agli esami neanche l’anno prossimo. In ogni caso in tutte le scuole dove si svolgono gli esami sono stati posizionati dei metal detector per impedire che i ragazzi introducano nella scuola telefoni o altri sistemi non autorizzati. Ma molti sono anche gli aiuti ammessi per rendere la vita più facile agli studenti stressati. In molti condomini del paese sono stati emessi regolamenti per evitare rumori eccessivi, lavori o schiamazzi di bambini specialmente tra le 10 della sera e le 6 del mattino per dare la possibilità agli studenti di studiare in silenzio e di concentrarsi al massimo delle loro possibilità e soprattutto di dormire a sufficienza. Nelle più note trasmissioni televisive come sui giornali si danno consigli di vario genere ai ragazzi su come prepararsi al meglio, su tecniche di rilassamento e di autocontrollo per ottimizzare la resa dell’esame. Persino la rete dei pubblici trasporti pensa agli studenti. In diverse province sono state intensificate le corse dei mezzi pubblici nei giorni degli esami. A Fuzhou, nella provincia del Fujian, oltre 500 tassisti hanno deciso per questi tre giorni di offrire i loro servizi gratuitamente agli studenti e alle loro famiglie.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese