Archivi tag: Dongguan

Stretta anti prostituzione a Dongguan, capitale prostituzione

Dopo gli arresti ieri di 67 persone e la chiusura di 12 tra hotel e locali notturni a Dongguan, nella provincia meridionale cinese del Guangdong, a seguito di un reportage della emittente nazionale Cctv, per attività collegate alla prostituzione, le autorità della provincia del Guangdong hanno deciso di lanciare una massiccia campagna che durerà tre mesi per smantellare tutta la rete della prostituzione che fa della città la ”capitale del sesso” in Cina. L’annuncio è stato dato dal capo del partito del Guangdong, Hu Chunhua. I raid della polizia, che ha messo in campo oltre 6.000 agenti, hanno permesso di mettere sotto controllo da domenica ad oggi quasi 2000 esercizi tra alberghi e locali di vario tipo. Intanto si è anche appreso che il proprietario di uno degli hotel coinvolti è Liang Yaohui, ex deputato del congresso nazionale del popolo. Il reportage messo in onda dalla Cctv ha evidenziato come a Dongguan la maggior parte degli hotel anche di lusso, dei locali notturni, dei saloni di bellezza e dei Ktv (i locali per il karaoke) offrano ai clienti servizi di natura sessuale, organizzando incontri con prostitute che chiedono somme che variano dai 600 ai 2000 yuan (dai 70 ai 250 euro circa). Secondo alcune stime rese note dalla stampa locale, a Dongguan sarebbero circa 300.000 le persone coinvolte nell’industria del sesso. Otto funzionari di polizia, tra cui il direttore della commissione di pubblica sicurezza e il direttore di una stazione di polizia, sono stati messi sotto indagine e sospesi dal servizio. Diverse le reazioni del popolo cinese di internet. Mentre alcuni plaudono alla decisione della polizia di bloccare lo sfruttamento della prostituzione (vietata in Cina), non manca chi vede in questa mossa un tentativo di sviare l’attenzione da temi considerati più importanti come ad esempio la corruzione. In alcuni commenti su Cina weibo, il twitter cinese, si legge inoltre che è la legge che dovrebbe essere rivista, legalizzando la prostituzione, in quanto la libertà sessuale è un diritto di tutti. Molti anche coloro che ritengono che la campagna della polizia non riuscirà comunque a sradicare definitivamente il fenomeno.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

Maxigrandinata nel sud, dodici vittime

Sono dodici sinora le persone che hanno perso la vita negli ultimi giorni in Cina a causa di violente grandinate. Secondo quanto riferisce l’Agenzia Nuova Cina, il maggior numero di morti si e’ verificato nella citta’ di Dongguan, nella provincia meridionale del Guangdong, dove le vittime sono state nove. Numerosi anche i feriti di cui una decina in gravi condizioni. Altre tre persone sono morte invece nella provincia centrale dell’Hunan. Pesantissime anche le perdite economiche. A Dongguan si calcola che vi siano stati danni per 357 milioni di yuan, circa 40 milioni di euro. Difficile la situazione anche nell’Hunan, dove oltre 74.000 persone sono state evacuate dalle loro case. Quasi duemila abitazioni sono crollate e altre 100.000 sono state gravemente danneggiate. La tempesta ha danneggiato 92.300 ettari di colture, di cui 14.900 ettari sono andati totalmente distrutti. Nelle zone colpite le autorita’ hanno inviato squadre di soccorso per portare alla popolazione medicine, coperte e generi di prima necessita’.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Giro di vite su prostitute cinesi

Giro di vite in Cina contro la prostituzione straniera. Secondo il corpo di pubblica sicurezza di Pechino, nei giorni scorsi la polizia ha fatto irruzione in un bar della capitale nel quartiere di Chaoyang e ha arrestato 15 donne sospettate di esercitare la prostituzione, incluse quattro straniere e chiudendo il locale. Gli arresti rientrano, come ha fatto sapere Ou Yang, un ufficiale della polizia di Pechino, in una campagna iniziata nell’aprile del 2010 contro la prostituzione. Secondo Dai Peng, direttore del dipartimento per le indagini penali presso l’universita’ cinese di pubblica sicurezza, da quando la Cina si e’ maggiormente aperta al mondo, c’e’ stato un aumento della prostituzione proveniente dall’estero, soprattutto sud est asiatico, ex blocco sovietico oltre a Filippine. Molte delle prostitute straniere che esercitano la loro professione in Cina entrano con un visto turistico o per studio. ”Il fatto – ha aggiunto Dai – e’ anche che la prostituzione si e’ sviluppata in maniera nascosta. La gente spesso preferisce mettersi in contatto con le prostitute attraverso internet, per cui poi e’ difficile per la polizia indagare”. La prostituzione e’ teoricamente illegale in Cina. Nell’ aprile 2010, la polizia aveva arrestato oltre 1.100 persone a Pechino e aveva chiuso diversi locali di intrattenimento, night club e karaoke.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

App per iPhone aiuta a trovare case di tolleranza in Cina

La Apple ha approvato una nuova app per gli iPhone che permette di avere informazioni sui centri massaggi, che in Cina molte volte nascondono le case di appuntamenti. Ed è già polemica. Secondo quanto riferisce lo Shanghai Daily, la nuova applicazione è stata messa in vendita on line dalla Apple venerdì scorso e fornisce una vera e propria guida sui centri per massaggi e centri estetici soprattutto a Dongguan, la città conosciuta come una delle capitali mondiali della prostituzione per l’alto numero di case di tolleranza che ci sono, nonostante la prostituzione in Cina sia vietata. Al costo di soli 30 yuan (poco più di tre euro) nell’Apple store cinese (un po’ di più in quello americano) gli utenti possono conoscere i nomi e gli indirizzi di tutti i centri massaggi della città. In molti casi sono indicati persino i nomi delle donne e i numeri di quelle che sono state segnalate dai precedenti clienti e che sono “particolarmente raccomandate”. Gli sviluppatori delle applicazioni, in base alle regole di Apple, promettono di rispettare la legge locale quando ne propongono una nuova. Intanto gli utenti cinesi sembrano aver apprezzato molto la novità. Sul sito di Apple sono apparsi commenti che definiscono la nuova applicazione come “molto utile”. L’applicazione sta diventando una tra le più richieste. Peng Lizhang, lo sviluppatore dell’applicazione, la promuove dicendo che con “il costo di un taxi ora si possono avere tutte le informazioni utili”. Dongguan è una città meridionale cinese nella provincia del Guangdong. Con le sue migliaia di prostitute è considerata una delle capitali mondiali della prostituzione. In una sola operazione anti prostituzione, la polizia chiuse, oltre un anno fa, 283 bordelli. Ogni anno milioni di persone da Shenzhen, Guangzhou e Hong, Kong oltre a stranieri da tutto il mondo, arrivano a Dongguan in cerca di sesso.

Lascia un commento

Archiviato in 'O Tibbet e 'o munaciello

Nuova ondata di scioperi al sud

Continuano gli scioperi e le proteste di operai e impiegati in diverse parti della Cina. Secondo quanto riferisce il sito di Radio Free Asia, gli operai di una fabbrica di acciaio nella provincia sud occidentale del Sichuan, la Pangang Steel, hanno iniziato a scioperare dalla mattina dello scorso 4 gennaio contro salari troppo bassi e difficili condizioni di lavoro. ”Dopo che gli operai del gruppo Chuanhua di Chendu – ha detto Pu Fei, portavoce di un gruppo che opera a tutela dei diritti umani nella provincia del Sichuan – sono riusciti ad ottenere aumenti di stipendio di circa 400-500 yuan al mese (circa 50 euro, ndr), ora anche gli operai della Pangang hanno deciso di fare lo stesso”. Secondo Pu Fei, gli operai della fabbrica di acciaio scesi in piazza guadagnano mediamente 1.500 yuan al mese (poco piu’ di 150 euro) ma chiedono di poter arrivare almeno a 2.000. I responsabili della fabbrica non hanno finora commentato l’accaduto. Non e’ chiaro quante persone abbiano partecipato alla protesta anche se testimoni oculari parlano di diverse decine di migliaia. E intanto notizie di altre proteste giungono dalla citta’ meridionale di Wuzhou dove gli operai di una fabbrica di giocattoli avrebbero iniziato a scioperare contro i tagli dei bonus di fine anno e contro arretrati ancora non pagati. Sembra tuttavia che in questo caso la protesta sia gia’ velocemente terminata con la decisione dei vertici dell’azienda di pagare gli operai. Sulla rete sono apparse anche immagini di manifestazioni a Wuxi, alla fabbrica del gruppo Xiao Tian anche se un impiegato, contattato telefonicamente, ha affermato che la situazione e’ tornata sotto controllo e che tutti sono tornati al lavoro.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili

Oltre 1000 operai navali protestano per stipendi

Gli operai di un cantiere navale nel sud della Cina hanno iniziato a scioperare per protestare contro mancati pagamenti di stipendi. Oltre mille tra i dipendenti del cantiere navale Guanhai a Fuzhou, nella provincia cinese meridionale del Fujian, lunedì hanno bloccato gli ingressi del cantiere occupando e bloccando la strada per diverse ore. Secondo quanto riferiscono alcuni siti che si occupano dei diritti dei lavoratori, essi lamenterebbero di non venire pagati da oltre tre mesi e che i responsabili del cantiere si sarebbero rifiutati di dare loro gli arretrati nonostante le loro continue richieste e sollecitazioni. Lo sciopero ha paralizzato il traffico per diverse ore. Secondo alcuni testimoni si sarebbero verificati anche scontri con la polizia, intervenuta sul posto. Interpellati i vertici del cantiere hanno invece sostenuto che l’accordo sugli arretrati è stato raggiunto, che il problema è superato e che la fabbrica ha ora deciso di pagare gli stipendi direttamente ai suoi dipendenti e non, come finora era accaduto, tramite i committenti. “Sappiamo che alcuni nostri committenti spesso non pagavano i lavoratori – ha detto Long, uno dei responsabili del cantiere navale – il problema era nato da questo”. Con la crisi, molti cantieri navali cinesi, che negli anni scorsi hanno varato il maggior numero di navi per clienti di tutto il mondo, stanno chiudendo per mancanza di commesse.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Vita cinese

Tornano al lavoro alla Lg, nuovo sciopero a sudest

E’ terminato lo sciopero alla fabbrica della LG di Nanchino, dove da tre giorni circa 8.000 operai erano entrati in sciopero bloccando parte della produzione per protestare contro tagli salariali e contro presunte disparità di trattamento tra dipendenti cinesi e dipendenti coreani. I responsabili della fabbrica hanno fatto sapere che le attività sono regolarmente riprese dalle 16 di ieri, dopo il raggiungimento di un accordo con gli operai. Ma se la situazione a Nachino sembra risolta, un nuovo sciopero è iniziato a Guangzhou (ex Canton), dove gli operai della Aries Auto Parts Corporation stanno protestando contro riduzioni di salari e contro i tagli dei bonus di fine anno. Secondo le informazioni disponibili, la produzione è stata totalmente fermata e nonostante ripetuti richiami gli operai si sono rifiutati di porre fine alla proteste e di tornare al lavoro. I responsabili dell’azienda hanno fatto sapere che la riduzione dei bonus quest’anno deriva da una riduzione della domanda, mentre gli operai sostengono che il numero degli ordini di quest’anno è quasi lo stesso di quello precedente. Oltre ai tagli economici, gli operai lamentano anche condizioni di lavoro difficili, essendo costretti spesso a turni di lavoro anche di 12 ore e a continui straordinari. Nella stessa fabbrica lo scorso aprile si era verificato un altro sciopero. In quella occasione alla fine venne raggiunto un accordo che prevedeva un incremento salariale mensile di circa 300 yuan (poco più di 30 euro). La Aries produce parti per automobili e motocicli e ha tra i suoi clienti Honda, Toyota, Dongfeng-Nissan e Suzuki.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili