Archivi tag: diritto di sciopero

Si allarga protesta degli operai del colosso di calzature

Si allarga la protesta degli operai del colosso taiwanese delle calzature Yue Yuen: come i loro colleghi di Dongguan, nella provincia meridionale del Guandong, anche i dipendenti dello stabilimento di Ji’an, nella provincia orientale dello Jiangxi, sono scesi in strada a manifestare chiedendo migliori condizioni di lavoro. Lo riporta la stampa di Taiwan. Dalla settimana scorsa oltre 30.000 operai della Yue Yuen – gruppo che produce scarpe e parti di scarpe per colossi come Nike, Adidas, Reebok e altri – manifestano chiedendo il miglioramento delle condizioni di lavoro e soprattutto migliori assicurazioni sociali, in quella che è considerata la protesta più importante mai organizzata in Cina. Da domenica, oltre 2.000 operai della sede di Ji’an della fabbrica di proprietà del gruppo taiwanese Pou Chen, hanno aderito alle proteste. A Dongguan ed a Ji’an ci sono stati, secondo i media, scontri con le forze dell’ordine, con alcuni operai arrestati.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Sciopero in fabbrica che produce scarpe per Nike, Adidas e altri: in migliaia manifestano

Almeno diecimila operai di una delle più grandi fabbriche di scarpe al mondo, dove si producono calzature per le maggiori aziende mondiali, sono da due giorni in sciopero per rivendicare condizioni di lavoro migliori. La situazione nella fabbrica di Dongguan, nella provincia meridionale cinese del Guangdong, di proprietà del gruppo taiwanese Yue Yuen, dove si producono calzature per aziende come come Nike, Crocs, Adidas, Reebok, Timberland, Asics, New Balance e Puma, si fa sempre più difficile. Le stesse aziende temono di non riuscire ad approvvigionarsi in tempo e stanno cercando di prendere contromisure, perché la crisi nella fabbrica al momento è insanabile. Gli operai erano scesi in strada già lo scorso 5 aprile, ma ieri, al termine dei negoziati, la protesta è diventata globale, interessando tutti i colletti blu, in quello che è uno dei più grandi scioperi verificatosi in Cina negli ultimi anni. I lavoratori della Yue Yuen lamentano, tra le cose principali, il mancato pagamento delle assicurazioni e della previdenza sociale. Gli operai della fabbrica, infatti, essendo per lo più provenienti da altre province, non possono utilizzare nel luogo in cui lavorano le assicurazioni spettanti nella provincia di origine, non essendo previsto il trasferimento da una provincia all’altra e quindi, a meno di acquistare una polizza supplementare, non sono coperti. Non hanno disponibilità economiche tali da permettersi di acquistarne di nuove e chiedono l’aiuto dell’azienda, che però nicchia. Questo è il risultato delle politiche cinesi tendenti a scongiurare l’immigrazione nelle grandi città da parte di lavoratori di altre province, negando loro servizi basilari come sanità e scuole per i figli. Oltre a chiedere aiuto all’azienda per il pagamento delle polizze, gli operai chiedono migliori condizioni di lavoro, e soprattutto contratti di lavoro certi. Alcuni lavoratori di lungo corso, titolati a richiedere la residenza nella provincia, hanno raccontato ad esempio di aver avuto difficoltà ad iscrivere i propri figli a scuola a Dongguan. Quando infatti è stato loro richiesto dalla scuola di mostrare il contratto di lavoro per dimostrare la loro presenza fissa nella provincia, presentando il contratto stipulato con la Yue Yuen, è stato loro contestato trattarsi di un contratto non valido e quindi non hanno potuto mandare i propri figli nelle scuole locali. La Yue Yuen, che nel 2004 registrò la visita della stella del basket americano Michal Jordan che visitò il luogo dove venivano realizzate le scarpe con il suo nome, ha circa 60.000 dipendenti. E’ quotata presso la borsa di Hong Kong ed ha un valore di mercato di circa 5,4 miliardi di dollari.

1 Commento

Archiviato in Diritti incivili

Proteste per inceneritore nel sud, arresti e feriti

Le autorità della provincia meridionale cinese del Guangdong hanno arrestato almeno 10 persone nel corso di alcuni scontri con la polizia, durante una manifestazione organizzata dalla popolazione del villaggio di Xinlian, per protestare contro la costruzione di un inceneritore in una zona vicina al centro abitato. Numerose persone sono rimaste ferite durante gli scontri. Lo riferisce il sito di Radio Free Asia. Secondo il racconto di alcuni residenti, il governo locale avrebbe confiscato 16 acri di terreno per costruire una nuova superstrada, ma solo quando i lavori sono iniziati la popolazione si è resa conto che in realtà il piano era quello di costruire un inceneritore per i rifiuti, a soli 500 metri dalle abitazioni. “Una volta che l’inceneritore comincerà a funzionare – ha spiegato Liu, un abitante della zona – il terreno e le falde acquifere saranno contaminate, la nostra aria e l’acqua che arriva sulle nostre tavole saranno inquinate”. Di qui la decisione della gente di scendere in strada. Già in passato precedenti tentativi di costruire impianti simili in altre zone del Guangdong aveva suscitato polemiche sui potenziali profitti che il governo locale avrebbe ottenuto in relazione a tali progetti. Lo scorso mese di agosto le autorità della città di Puzhai, sempre nella provincia del Guangdong, avevano dichiarato di voler cancellare i loro piani di costruzione di un inceneritore a seguito delle violente proteste della gente del luogo.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Vietate maschere e T-shirt per evitare manifestazioni

Vietate a Kunming, nella provincia meridionale dello Yunnan, magliette bianche e maschere, per evitare che ci siano nuove proteste contro una fabbrica petrolchimica che ha gia’ portato per strada due volte i cittadini preoccupati per l’impatto ambientale. La notizia si sta diffondendo sui microblog, dopo la pubblicazione sul Southern Metropolis Daily, provocando non poche proteste. L’intento della regolamentazione governativa e’ quello di evitare manifestazioni durante il China-South Asia Expo che si terra’ a Kunming dal 6 al 10 giugno. Per questo, coloro che vogliono comprare maschere devono presentare un documento di riconoscimento. Il divieto di vendita delle T-shirts bianche, invece, vuole prevenire che i manifestanti possano sfilare con messaggi scritti sulle magliette. Il nuovo impianto petrolchimico, che per quattro giorni porto’ i cittadini di Kunming in piazza il 16 maggio scorso per la seconda volta, dovrebbe sorgere nella citta’ di Anning, a circa 50 chilometri da Kunming. La gente teme soprattutto che la prevista produzione di paraxilene, un agente chimico molto usato nella produzione della plastica, possa avere effetti cancerogeni sulla popolazione che vive nella zona.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Polluzione (che dall'inglese significa l'inquinamento)

Dopo proteste cittadini, no a nuova fabrica Shanghai. Scontri a Kunming contro fabbrica inquinante

A seguito delle pressioni dell’opinione pubblica, un’azienda di Shanghai ha deciso di cancellare i suoi piani di aprire una nuova fabbrica di batterie al litio nel distretto di Songjiang. Secondo quanto ha riferito il China Daily, la Shanghai Guoxuan New Energy ha fatto marcia indietro dopo che centinaia di residenti di Songjiang, alla periferia sud-ovest di Shanghai, erano scersi in strada nei giorni scorsi per manifestare contro la prevista costruzione del nuovo impianto temendo le conseguenze per l’ambiente e per la salute derivanti dalle acque reflue e dalle emissioni. ”Siamo molto soddisfatti – ha detto uno degli abitanti della zona – della decisione della societa’ perché amiamo Songjiang e vogliamo un ambiente sicuro e pulito”. I piani per la costruzione della fabbrica su un terreno di 23 acri nel Songjiang Industrial Park erano stati annunciati in una conferenza stampa dai responsabili della Shanghai Guoxuan New Energy lo scorso mese di agosto e subito la notizia aveva generato preoccupazione e allarme nella gente del luogo. Nelle ultime settimane, alcuni funzionari del governo del distretto di Songjiang avevano cercato di convincere inutilmente i residenti ad accettare il progetto, dicendo che l’impianto sarebbe stato destinato in prevalenza all’assemblaggio finale delle batterie.
Scontri tra polizia e manifestanti nella citta’ cinese di Kunming, capitale della provincia meridionale dello Yunnan. Centinaia di persone sono scese in strada per protestare contro la costruzione di un nuovo impianto chimico che, secondo i residenti, potrebbe essere dannoso per la salute della gente e per l’ambiente. Secondo quanto riferiscono diverse fonti di stampa, nelle strade cittadine sono stati dispiegati moltissimi poliziotti con l’intento di disperdere la folla e ci sarebbero stati scontri. In rete, sui principali siti cinesi, in poche ore si sono diffuse le fotografie dei manifestanti circondati dalle forze dell’ordine. Senza lasciarsi scoraggiare dalla massiccia presenza dei poliziotti, i manifestanti hanno continuato a marciare pacificamente al grido di ”via la raffineria” e issando cartelloni con scritte contro la costruzione dell’impianto. Voci non confermate parlano anche di diversi arresti e di persone mandate via dal luogo delle proteste. Il nuovo impianto petrolchimico dovrebbe sorgere nella citta’ di Anning, a circa 50 chilometri da Kunming. La gente teme soprattutto che la prevista produzione di paraxilene, un agente chimico molto usato nella produzione della plastica, possa avere effetti cancerogeni sulla popolazione che vive nella zona. Lo scorso 4 maggio anche il sindaco di Kunming era intervenuto sull’argomento, dicendo in una conferenza stampa che ”il governo avrebbe bloccato il progetto se la maggioranza della popolazione fosse stata contraria”. E’ gia’ la seconda volta che i cittadini di Kunming scendono per strada contro la raffineria.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Polluzione (che dall'inglese significa l'inquinamento)

Nuova ondata di scioperi al sud

Continuano gli scioperi e le proteste di operai e impiegati in diverse parti della Cina. Secondo quanto riferisce il sito di Radio Free Asia, gli operai di una fabbrica di acciaio nella provincia sud occidentale del Sichuan, la Pangang Steel, hanno iniziato a scioperare dalla mattina dello scorso 4 gennaio contro salari troppo bassi e difficili condizioni di lavoro. ”Dopo che gli operai del gruppo Chuanhua di Chendu – ha detto Pu Fei, portavoce di un gruppo che opera a tutela dei diritti umani nella provincia del Sichuan – sono riusciti ad ottenere aumenti di stipendio di circa 400-500 yuan al mese (circa 50 euro, ndr), ora anche gli operai della Pangang hanno deciso di fare lo stesso”. Secondo Pu Fei, gli operai della fabbrica di acciaio scesi in piazza guadagnano mediamente 1.500 yuan al mese (poco piu’ di 150 euro) ma chiedono di poter arrivare almeno a 2.000. I responsabili della fabbrica non hanno finora commentato l’accaduto. Non e’ chiaro quante persone abbiano partecipato alla protesta anche se testimoni oculari parlano di diverse decine di migliaia. E intanto notizie di altre proteste giungono dalla citta’ meridionale di Wuzhou dove gli operai di una fabbrica di giocattoli avrebbero iniziato a scioperare contro i tagli dei bonus di fine anno e contro arretrati ancora non pagati. Sembra tuttavia che in questo caso la protesta sia gia’ velocemente terminata con la decisione dei vertici dell’azienda di pagare gli operai. Sulla rete sono apparse anche immagini di manifestazioni a Wuxi, alla fabbrica del gruppo Xiao Tian anche se un impiegato, contattato telefonicamente, ha affermato che la situazione e’ tornata sotto controllo e che tutti sono tornati al lavoro.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili

Oltre 1000 operai navali protestano per stipendi

Gli operai di un cantiere navale nel sud della Cina hanno iniziato a scioperare per protestare contro mancati pagamenti di stipendi. Oltre mille tra i dipendenti del cantiere navale Guanhai a Fuzhou, nella provincia cinese meridionale del Fujian, lunedì hanno bloccato gli ingressi del cantiere occupando e bloccando la strada per diverse ore. Secondo quanto riferiscono alcuni siti che si occupano dei diritti dei lavoratori, essi lamenterebbero di non venire pagati da oltre tre mesi e che i responsabili del cantiere si sarebbero rifiutati di dare loro gli arretrati nonostante le loro continue richieste e sollecitazioni. Lo sciopero ha paralizzato il traffico per diverse ore. Secondo alcuni testimoni si sarebbero verificati anche scontri con la polizia, intervenuta sul posto. Interpellati i vertici del cantiere hanno invece sostenuto che l’accordo sugli arretrati è stato raggiunto, che il problema è superato e che la fabbrica ha ora deciso di pagare gli stipendi direttamente ai suoi dipendenti e non, come finora era accaduto, tramite i committenti. “Sappiamo che alcuni nostri committenti spesso non pagavano i lavoratori – ha detto Long, uno dei responsabili del cantiere navale – il problema era nato da questo”. Con la crisi, molti cantieri navali cinesi, che negli anni scorsi hanno varato il maggior numero di navi per clienti di tutto il mondo, stanno chiudendo per mancanza di commesse.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Vita cinese

Tornano al lavoro alla Lg, nuovo sciopero a sudest

E’ terminato lo sciopero alla fabbrica della LG di Nanchino, dove da tre giorni circa 8.000 operai erano entrati in sciopero bloccando parte della produzione per protestare contro tagli salariali e contro presunte disparità di trattamento tra dipendenti cinesi e dipendenti coreani. I responsabili della fabbrica hanno fatto sapere che le attività sono regolarmente riprese dalle 16 di ieri, dopo il raggiungimento di un accordo con gli operai. Ma se la situazione a Nachino sembra risolta, un nuovo sciopero è iniziato a Guangzhou (ex Canton), dove gli operai della Aries Auto Parts Corporation stanno protestando contro riduzioni di salari e contro i tagli dei bonus di fine anno. Secondo le informazioni disponibili, la produzione è stata totalmente fermata e nonostante ripetuti richiami gli operai si sono rifiutati di porre fine alla proteste e di tornare al lavoro. I responsabili dell’azienda hanno fatto sapere che la riduzione dei bonus quest’anno deriva da una riduzione della domanda, mentre gli operai sostengono che il numero degli ordini di quest’anno è quasi lo stesso di quello precedente. Oltre ai tagli economici, gli operai lamentano anche condizioni di lavoro difficili, essendo costretti spesso a turni di lavoro anche di 12 ore e a continui straordinari. Nella stessa fabbrica lo scorso aprile si era verificato un altro sciopero. In quella occasione alla fine venne raggiunto un accordo che prevedeva un incremento salariale mensile di circa 300 yuan (poco più di 30 euro). La Aries produce parti per automobili e motocicli e ha tra i suoi clienti Honda, Toyota, Dongfeng-Nissan e Suzuki.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili

Ennesimo sciopero in società straniera: ora tocca all’LG

Circa 8.000 operai di una fabbrica della LG di Nanchino, nella zona orientale della Cina, hanno iniziato a scioperare. La portavoce dell’azienda coreana, Claire Ohm, ha fatto sapere che una parte della produzione nell’impianto, specializzato nella fabbricazione di schermi piatti per televisori lcd, computer portatili e monitor, è stata sospesa. Secondo le informazioni disponibili sopratutto su alcuni microblog tra i quali sina.com, sembra che gli operai di Nanchino lamentino in primo luogo una disparità di trattamento tra gli operai cinesi, ai quali sarebbero stati recentemente tolti alcuni bonus previsti fino allo scorso anno, e quelli coreani, ai quali al contrario sarebbero stati dati degli aumenti. “Stiamo lavorando in collaborazione con il governo di Nanchino – ha fatto sapere Claire Ohm – per raggiungere un accordo e per risolvere questa situazione quanto prima possibile”. Dal novembre scorso, in tutto il paese, sono decine di migliaia i lavoratori cinesi che hanno cominciato a protestare contro salari troppo bassi e condizioni di lavoro difficili.

1 Commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili

COntinua sciopero a fabbrica tecnologica di Shenzhen

Va avanti ormai da una settimana lo sciopero dei lavoratori della Shenzhen Hailiang Storage Product Co. Ltd, sussidiaria della Hitachi Global Storage Technologies a Shenzhen, nella Cina meridionale. Lo riferisce la stampa locale. Dallo scorso 4 dicembre oltre 1000 operai, preoccupati del mantenimento dei loro posti di lavoro a causa della recente acquisizione dell’azienda giapponese da parte dell’americana Western Digital, hanno bloccato l’ingresso della fabbrica, issando striscioni e cantando slogans. L’azienda dal canto suo ha fatto sapere di essere impegnata ad aumentare i salari e a migliorare le condizioni di lavoro, ma gli operai finora hanno dichiarato di non essere soddisfatti da queste dichiarazioni e di non sentirsi sufficientemente garantiti. Gli operai, infatti, chiedono che l’azienda presenti un piano chiaro relativo al periodo post-acquisizione, e chiedono anche forme di risarcimento in base alla legge. “I lavoratori continueranno lo sciopero fino a quando l’azienda non fornirà una soluzione ragionevole” hanno fatto sapere gli scioperanti tramite un loro portavoce. Intanto sabato mattina alcuni operai sono rimasti lievemente feriti durante scontri con la polizia, verificatisi nei pressi della fabbrica. La Western Digital ha siglato un accordo con la Hitachi. La fusione dovrebbe avvenire nel marzo 2012. I vertici dell’azienda hanno fatto sapere di aver notificato all’azienda giapponese il perdurare della situazione di tensione e di protesta da parte dei lavoratori mentre le autorità locali stanno cercando di portare avanti dei negoziati per il raggiungimento di un accordo. Da oltre un mese soprattutto nel sud est del paese sono molte le manifestazioni di operai che protestano per le chiusure delle fabbriche colpite dalla crisi globale oppure dalle delocalizzazioni o per le condizioni di lavoro alle quali sono sottoposti.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Diritti incivili