Archivi tag: deng xiaoping

Anniversario strage di Tiananmen: via dal web anche i numeri “sensibili”

La censura cinese ha stretto i controlli sui numeri e le cifre contenute nei messaggi in rete, per evitare che ci sia qualsiasi richiamo all’anniversario della strage di Tiananmen. Così se su Sina Weibo, il più diffuso sistema di microblog cinese, da sempre è bandita la data 4 giugno e 4 giugno 1989, oggi bandite anche ’64’ (giugno 4), 24 (é il 24mo anniversario della strage). Ma anche il 35, perché il 4 giugno in internet viene chiamato anche il 35 maggio. Bandite non solo le cifre, ma anche le lettere o le parole relative ai numeri. E via dal web anche le operazioni aritmetiche relative a questi numeri, come ’63+1′ o ’65-1′. E il più sottile ‘otto otto’, perché moltiplicando i due numeri si ottiene 64. Via anche le parole ‘oggi’, ‘domani’, ‘giorno speciale’, ‘quel giorno’, ‘quell’annò. Cancellate anche immagini con candele, così come la parola ‘candela’. Si scatena la satira, soprattutto nelle immagini, diffuse principalmente al di fuori dei circuiti internet cinesi. Una delle più cliccate è quella che sostituisce, nella famosa simbolo di Tiananmen dove un uomo è fermo dinanzi ai carri armati, i tank cinesi con le papere gonfiabili come quella gigante opera dell’artista concettuale olandese Florentijn Hofman, vista sia nella baia di Hong Kong, dopo essere passata da Osaka, Sidney, San Paolo e Amsterdam. Censurate anche la ricerca della papera gigante e le foto della stessa, anche se non legate a Tiananmen. Carri armati e uomo, sostituiti in un’altra immagine da costruzioni con i mattoncini Lego.
Controlli maggiori anche intorno a piazza Tiananmen, mentre a Hong Kong sono scesi in piazza, nonostante la pioggia, oltre 150.000 persone per ricordare la strage.
Intanto, è anche morto Chen Xitong, sindaco di Pehcino all’epoca di Tiananmen. E’ morto di cancro a 84 anni ed e’ considerato uno di quelli che ha deciso di mandare i carri armati contro gli studenti.

tian1

tiana2

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Madri Tiananmen: con Xi Jinping torna maoismo

Il nuovo presidente cinese Xi Jinping non solo non ha introdotto riforme significative nel sistema politico, ma sta “portando il Paese indietro, verso l’ortodossia maoista”. Lo affermano le ‘Madri di piazza Tiananmen’, gruppo di donne che da oltre 20 anni cercano di ottenere una revisione del giudizio negativo espresso dal Governo e dal Partito comunista cinese sul movimento studentesco del 1989. L’esercito cinese mise fine al movimento nella notte tra il 3 e il 4 giugno di quell’anno, sgombrando la piazza centrale di Pechino occupata dagli studenti con un’operazione che costò centinaia di morti. Il Pcc ha definito “controrivoluzionario” il movimento e non ha mai fornito un conto esatte delle vittime, cosa che le ‘Madri’ stanno cercando di fare. Secondo l’organizzazione umanitaria internazionale Dui Hua (Dialogo), l’unica che ha accesso alle carceri cinesi, “un pugno” di persone è ancora in prigione in seguito alla repressione del 1989. In un comunicato diffuso oggi attraverso il gruppo umanitario Human Rights Watch, le Madri di Tiananmen accusano Xi Jinping di non aver “riflettuto o mostrato il minimo rimorso per i peccati commessi in tre decenni di comunismo maoista. Quello che vediamo, al contrario, sono passi giganteschi verso un ritorno all’ ortodossia maoista”, affermano le Madri.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Proteste in vista dell’anniversario di Tiananmen

Si fa piu’ forte la pressione degli attivisti in previsione dell’ormai imminente anniversario della strage di piazza Tiananmen. Come riferisce il sito di Radio Free Asia, ad Hong Kong domenica scorsa oltre 1.000 persone hanno partecipato ad una manifestazione per commemorare le vittime di Tiananmen e per chiedere che il governo cinese finalmente faccia chiarezza sull’accaduto. I manifestanti hanno marciato da Victoria Park fino al centro di Hong Kong issando cartelloni e urlando slogan come ”Bisogna riesaminare i fatti del 4 giugno, noi non ci arrenderemo mai”. Simili manifestazioni non sono invece consentite nella Cina continentale, specie a Pechino, dove sono impedite dal governo. Tutti gli anni, con l’avvicinarsi del 4 giugno, le autorita’ aumentano i controlli e le misure di sorveglianza, prendendo di mira in particolare gli attivisti e le famiglie delle vittime. A Guangzhou, la ex Canton, solo pochi giorni fa la polizia ha arrestato tre persone che avevano chiesto al governo locale di poter organizzare una manifestazione per le vittime di piazza Tiananmen. E la censura cinese colpisce anche il web. Come ha evidenziato il sito di China Digital Files, da qualche giorno sono diverse le parole la cui ricerca risulta bloccata. Tra queste, Li Weiguo, Xu Xiangrong e Li Wensheng (cioe’ i nomi dei tre attivisti arrestati) 24simo anniversario (quest’anno ricorre per l’appunto il 24simo anniversario della strage), Bao Pu, che e’ il nome del fondatore di una casa editrice di Hong Kong che ogni anno pubblica libri su tematiche vietate in Cina e che quest’anno pubblichera’ un libro sulle memorie di un attivista sui fatti di piazza Tiananmen. Il numero delle persone morte tra il 3 e il 4 giugno 1989 rimane ancora un mistero. Le autorita’ di Pechino parlano di circa 300 vittime ma fonti non ufficiali sostengono che il numero sia molto piu’ elevato.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Nuove regole per l’elezione dei vescovi in Cina, governo decide nomi

Nuove regole per l’elezione dei vescovi in Cina che rafforzano il controllo della Bcccc, Bishops Conference of the Catholics Church in China, la conferenza dei vescovi cinesi che è appoggiata dal governo e non è riconosciuta dalla Santa Sede. In base alle nuove disposizioni, entrate in vigore in aprile ma delle quali si sa solo da qualche giorno, una diocesi deve cercare l’accordo con la Bcccc e con la commissione per gli affari religiosi per poter iniziare il processo di elezione e di ordinazione di un nuovo vescovo. La vecchia normativa invece, più snella, prevedeva solo che la diocesi dovesse gestire la procedura a livello provinciale. “La modifica – ha commentato Anthony Lam Sui-ki, ricercatore della diocesi del centro studi dello Spirito Santo di Hong Kong – rappresenta un passo indietro perché blocca la normalizzazione della vita della Chiesa in Cina. Ma allo stesso tempo ricorda ai vescovi ordinati dal Vaticano che devono essere coraggiosi e non farsi impaurire dalle autorità”. Le relazioni tra la Cina e il Vaticano sono negli ultimi anni particolarmente tese.

Lascia un commento

Archiviato in L'oppio dei popoli

Primo appello di Papa Francesco per liberta’ religiosa ai cattolici cinesi

Appello del Papa per i cattolici cinesi, al termine dell’udienza generale, a due giorni dalla festa della Madonna di Sheshan di Shangai, simbolo della perseveranza nella fede dei cattolici in Cina. Si tratta del primo intervento pubblico del nuovo Papa nel complicato dossier Cina che ha ereditato dal predecessore. Papa Francesco, davanti agli oltre 50 mila radunati in piazza San Pietro, ha dunque ricordato che il 24 maggio è il giorno dedicato alla Madonna di Sheshan e ha invitato “i cattolici di tutto il mondo a unirsi in preghiera con fratelli e sorelle che sono in Cina per implorare da Dio la grazia di annunciare con umiltà e con gioia Cristo morto e risorto, di essere fedeli alla sua Chiesa e al Successore di Pietro, e di vivere la quotidianità nel servizio al loro Paese e ai loro concittadini in modo coerente con la fede che professano”. Ha quindi pregato con le parole che i cinesi rivolgono alla Madonna del santuario di Sheshan: “sostieni l’impegno di quanti, in Cina, tra le quotidiane fatiche, continuano a credere, a sperare, a amare, affinché mai temano di parlare di Gesù al mondo e del mondo a Gesù”. Nel 2007, con la sua Lettera ai cattolici cinesi, Benedetto XVI ha proclamato per il 24 maggio una Giornata mondiale di preghiera per la Cina, da allora il santuario di Shanghai, è divenuto meta di pellegrinaggio di tutti i cinesi che, pur tra ostacoli di vario genere frapposti da polizia e autorità, si recano a pregare la Madonna. Intervenendo prima della Giornata, il Papa dà sostegno a quanti sfideranno gli ostacoli per andare a pregare nel santuario, e dà anche un segnale al governo di Pechino. La mano tesa al gigante asiatico da papa Ratzinger con la Lettera non ha infatti dato i risultati sperati, nella complicata situazione dei cattolici divisi tra Chiesa clandestina, fedele al Papa, e chiesa ufficiale, collegata alla Associazione patriottica, emanazione governativa che avrebbe voluto creare una chiesa nazionale antagonista ai papi. Tra le partite aperte tra Roma e Pechino, le nomine dei vescovi, con il tentativo di Pechino di condizionarne la libera scelta da parte del Papa. I cattolici in Cina, inoltre, sia laici che preti o vescovi, subiscono numerose restrizioni alla libertà religiosa. Nell’appello papa Francesco, senza dire parole di rottura, ha ribadito la posizione di Ratzinger: i cattolici cinesi hanno il diritto di essere fedeli al Papa, pur volendo con certezza essere dei buoni cittadini cinesi.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in L'oppio dei popoli

Morto vescovo di Shanghai, fu detenuto 27 anni

E’ morto in Cina mons. Aloysius Jin Luxian, vescovo coadiutore di Shanghai. Aveva 96 anni – riferisce un comunicato della sala stampa della Santa Sede – ed è morto il 27 aprile. Il presule, gesuita, era nato nel 1916 nel distretto di Nanshi della città di Shanghai ed è stato “una personalità chiave nella storia della Chiesa cattolica in Cina degli ultimi 50 anni”, sottolinea la nota. Studiò prima in Cina e poi in Europa ma con l’avvento della Repubblica Popolare Cinese, nel 1950 fu richiamato in patria e, a seguito degli avvenimenti politici del tempo e dell’espulsione dei gesuiti stranieri, nel 1951 fu nominato rettore temporaneo del seminario regionale di Xuhui (Shanghai). Jin Luxian fu arrestato nel 1955, sottoposto a processo, e condannato. Venne rilasciato dopo 27 anni di detenzione. Nel 1985 il rev. Jin Luxian accettò di essere consacrato vescovo per la diocesi di Shanghai, ma senza approvazione pontificia. Approvazione che ottenne una quindicina d’anni dopo, divenendo vescovo coadiutore di Shanghai, dopo aver manifestato la sua fedeltà al Papa.

Lascia un commento

Archiviato in L'oppio dei popoli

Liu Xia esce dopo oltre due anni, “dite a tutti che non sono libera”

“Dite a tutti che non sono libera. Nessuno di noi è libero”. E’ il grido di Liu Xia, la moglie del premio Nobel per la Pace Liu Xiaobo, che per la prima volta dopo due anni è riuscita a rompere il silenzio forzato al quale é stata costretta da arresti domiciliari blindatissimi. L’occasione è stata un’udienza in tribunale, che le ha permesso di uscire dalla sua ‘prigione’. E lei non se l’é lasciata sfuggire. Il resto lo ha fatto una foto e, soprattutto, twitter. Così le parole della poetessa, rea solo di sostenere e appoggiare le battaglie del marito (di fatto non è accusata di alcun reato) hanno fatto il giro del web. E del mondo. Liu Xia non può lasciare la sua casa di Pechino da quando suo marito, che ha partecipato ai moti di Tiananmen ed è promotore del documento ‘Charta08’ sulla necessità di instaurare in Cina un sistema politico democratico, è stato insignito del Nobel per la Pace nel 2010. Tanto che né lui, agli arresti dal 2009, né lei, sono riusciti a ritirare il prestigioso riconoscimento. Ma contro Liu Xia non esiste alcuna condanna: non è accusata di alcun reato, non è mai stata processata e la sua detenzione è illegale. Oggi il permesso di uscire per partecipare ad un’udienza del processo in corso nei confronti del fratello, finito nelle maglie delle autorità cinesi e arrestato il 31 gennaio scorso per una disputa immobiliare, risolta in realtà da tempo. Un breve istante di libertà che Liu ha deciso di sfruttare fino in fondo. E così quando l’auto sulla quale viaggiava è passata davanti a un gruppetto di giornalisti ha immediatamente abbassato il finestrino e lanciato il suo grido di dolore: “Dite a tutti che non sono libera. Mi mancate tutti tanto. Grazie per il vostro sostegno”. Lo scorso 28 dicembre, quattro attivisti, sfruttando il cambio delle guardie che stazionano dinanzi alla sua casa, sono riusciti ad avvicinarsi alla porta e a parlarle, filmandola. All’inizio di dicembre, due giornaliste sono riuscite a sfruttare un calo nei controlli degli agenti e si sono avvicinate alla porta della donna, riuscendo a scambiare con lei qualche parola, mentre mesi prima altri l’avevano filmata dalla strada. Ma mai il suo messaggio era giunto così forte e chiaro.

1 Commento

Archiviato in Diritti incivili