Archivi tag: default usa

Cina preoccupato dal debito Usa “Washington eviti default”

Gli Usa devono fare dei passi decisivi per evitare la crisi del debito e garantire la sicurezza degli investimenti cinesi. Lo dice il vice ministro delle Finanze cinese, Zhu Guangyao, nel primo commento ufficiale di Pechino – primo creditore Usa – in vista della scadenza del 17 ottobre sull’aumento tetto del debito per evitare il default. Il vice ministro ha sottolineato come la Cina “sia naturalmente preoccupata dello sviluppo della situazione americana”. “Chiediamo che gli Stati Uniti – ha aggiunto Zhu – adottino seriamente delle misure per risolvere in modo tempestivo prima del 17 ottobre la questione del debito per evitare un default degli Stati Uniti e anche per garantire la sicurezza degli investimenti cinesi negli Stati Uniti e la ripresa economica globale. E questa è responsabilità degli Stati Uniti”. “Speriamo che gli Stati Uniti abbiano capito le lezioni della storia”, ha continuato il vice ministro delle Finanze, facendo riferimento allo stallo che nel 2011 portò al primo downgrade della storia degli Stati Uniti.

Il muro contro muro della politica di Washington preoccupa la Cina che lancia l’allarme: gli Stati Uniti devono fare i passi decisivi per evitare la crisi del debito e garantire la sicurezza dei nostri investimenti. Un monito che viene dal vice ministro delle Finanze cinese, Zhu Guangyao, a 10 giorni dalla data fatidica del 17 ottobre, giorno in cui il Congresso americano è chiamato ad approvare l’innalzamento del suo debito se vuole evitare un drammatico default dalle conseguenze inimmaginabili per l’economia mondiale, non solo quella americana. Lo stesso Obama oggi ha ribadito che il ‘fallimento tecnico’ avrebbe un “impatto catastrofico”. Ne è consapevole la Cina, la potenza industriale con i maggiori margini di crescita al mondo, che ha in mano gran parte del debito pubblico Usa. Secondo i più recenti dati diffusi dal Tesoro, il governo di Pechino è infatti il maggiore creditore estero, possedendo circa 1280 miliardi di dollari in titoli americani. “Speriamo che gli Stati Uniti abbiano capito le lezioni della storia”, ha detto Zhu facendo riferimento allo stallo che nel 2011 portò al primo downgrade della storia degli Stati Uniti. Tuttavia, a Washington prosegue lo stallo e il braccio di ferro. La Casa Bianca stasera ha appoggiato la legge presentata dai senatori democratici con cui si innalzerebbe il tetto del debito per un solo anno, considerato il periodo utile per uscire dalle incertezze sui mercati. Ma malgrado Barack Obama sia rimasto in città – cancellando un importantissimo vertice a Bali – il sentiero per un accordo rimane strettissimo, non solo per la madre di tutte le battaglie, quella del debito, ma anche sul fronte più limitato dello shutdown, la chiusura dello Stato Federale che oggi entra nella seconda settimana. In una capitale travolta dal maltempo, la Casa Bianca e il partito repubblicano, in particolare il gruppo di deputati che ha la maggioranza alla Camera, restano ognuno sulle proprie posizioni. Obama ha fatto visita alla sede della Fema, l’Agenzia Federale che si occupa della Protezione Civile americana. Qui ha ringraziato i 100 addetti richiamati al lavoro senza percepire alcuna paga per far fronte alla tempesta tropicale Karen che si sta abbattendo tra New York e Washington. “Vi ringrazio per il vostro senso del dovere, chissà che non possiate essere di esempio per i parlamentari, perchè facciano il loro lavoro”, ha detto Obama. Quindi è tornato a chiedere ai deputati repubblicani di approvare già oggi il finanziamento dello Stato, in modo da farla finita con lo shutdown. Alle proteste della destra, Obama, a muso duro, ha replicato che il partito democratico ha già concesso un compromesso, accettando in passato livelli di spesa richiesti dai repubblicani più bassi di quelli che avrebbe voluto. Quindi, ha sfidato apertamente la leadership repubblicana dello speaker John Boehner: “Sono convinto che alla Camera, tra democratici e repubblicani, ci siano i voti per far cessare la chiusura dello Stato Federale. Arriviamo oggi a un voto, e vediamo che succede”. I sondaggi intanto dicono che la linea dura potrebbe costare caro ai repubblicani: gli americani in maggioranza danno a loro la colpa dello stallo e se si votasse oggi il partito dell’elefante perderebbe l’attuale maggioranza alla Camera.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Secondo il Wsj, la cinese Wanda punta a sale cinematografiche in Europa

Il colosso cinese dei cinema, Dalian Wanda Group, punta all’Europa. Pochi mesi dopo l’acquisizione della seconda catena di sale cinematografiche americane AMC Entertainment Holding, il gruppo Wanda ha avuto contatti con alcune società europee alle quali sarebbe interessata. Lo riporta il Wall Street Journal, secondo il quale nel mirino di Wanda ci sarebbero due delle maggiori catene di sale cinematografiche del Vecchio Continente, Odeon & UCI Cinema Holdings e Vue Entertainment, ambedue con sede in Gran Bretagna. Wanda controlla 1.000 sale cinematografiche in Cina e ha come obiettivo quello di raggiungere quota 2.000 entro il 2015, come affermato dal presidente della stessa società Wang Jianlin. Il gruppo cinese – mette in evidenza il Wall Street Journal – sarebbe interessato anche alla produzione cinematografica in Cina e altrove: Wanda avrebbe avuto contatti con Hollywood per il co-finanziamento di alcune produzione americane.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Cina batte Usa, entro 2030 sarà prima eocnomia del mondo

L’economia cinese si affermera’ come la prima al mondo entro il 2030, battendo quella americana relegata la secondo posto. Gli Stati Uniti, pero’, resteranno un leader mondiale indispensabile, anche grazie alla dipendenza energetica che acquisteranno. E’ quanto afferma uno studio del National Intelligence Council, nel quale si precisa che l’influenza della Russia tramontera’, cosi’ come la forza economica degli altri paesi che si basano sulle entrate petrolifere. Nell’esaminare la situazione e cercare di stimare l’evoluzione, il rapporto mette in evidenza come la maggiore novita’ che rappresentera’ un cambio epocale sara’ l’affermazione di una classe media globale sempre piu’ ampia, grazie alla conquista del potere e di un maggiore benessere da parte di miliardi di persone che emergeranno dalla poverta’.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Gruppo cinese compra 80,1% di Aig, maggiore acquisizione cinese in Usa

La Cina fa shopping negli Stati Uniti: un gruppo di investitori cinesi ha acquistato l’80,1% della divisione leasing di aerei di Aig per 4,23 miliardi di dollari, con l’opzione di acquistare un ulteriore 9,9%. Si tratta della maggiore acquisizione cinese negli Stati Uniti. Il gruppo di investitori che ha acquistato International Lease Finance Corp include New China Trust, China Aviation Industrial Fund e P3 Investments. Per la Cina l’acquisizione completa una tre giorni importante: solo venerdì la cinese Cnooc ha ottenuto il via libera dal Canada per acquistare la società petrolifera Nexen per 15,1 miliardi di dollari.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Firmati accordi di 1,27 miliardi di dollari tra Italia e Cina

Gli accordi bilaterali commerciali siglati oggi fra Italia e Cina, del valore di 1,27 miliardi di dollari, dimostrano ”come in molti settori dell’economia italiana si possano attrarre investitori stranieri, potenziando la crescita del Paese”. Cosi’ il premier Mario Monti al termine dell’incontro con il dirigente cinese, Jia Qinglin. La firma degli accordi e’ avvenuta al termine dell’incontro tenutosi a palazzo Chigi tra il Presidente del Consiglio, Mario Monti, e il Presidente del Comitato Nazionale della Conferenza Consultiva Politica del Popolo cinese, Jia Qinglin. Durante il colloquio, spiega una nota diffusa dall’ufficio stampa, si e’ discusso del ”rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali, dell’incremento degli investimenti bilaterali ed del ruolo della Cina nella nuova governance mondiale all’indomani dello svolgimento del XVIII Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese”. ”La recente visita del Ministro dello Sviluppo economico – prosegue il comunicato – e’ un’ulteriore conferma all’impegno reciproco a rafforzare la cooperazione nei settori produttivi strategici come le energie e la green economy”. Al termine dell’incontro, Monti e Jia hanno presenziato alla firma di sei accordi commerciali bilaterali del valore complessivo di 1,27 miliardi di dollari. Si tratta di un accordo di cooperazione tra Hua Wei Italy e Fastweb del valore di 557 milioni di dollari; di un’intesa di cooperazione strategica tra China Everbright Ltd e Ferretti Group per un ammontare di 480 milioni di dollari; di un accordo di cooperazione strategica tra China General Technology (Group) Holding Limited e Fata Spa. Altri accordi commerciali riguardano la Spark Machine Tool (Gruppo) Co. Ltd. e Aquire Colgar S.p.A.; un contratto per equity joint ventures di Shandong HTM New Energy Auto Manufacturing Co., Ltd; e infine un accordo di aumento di capitale azionario tra Beste S.p.A e Anhui Huama Textile Co., Ltd. ”Questi accordi – ha commentato Monti – dimostrano come in molti settori dell’economia italiana si possano attrarre investitori stranieri, potenziando la crescita del Paese e espandendo gli scambi internazionali”. La nota stampa ricorda che ”la settimana scorsa Qatar Holding e il Fondo Strategico Italiano hanno anche creato una joint venture comune di 2 miliardi per investimenti congiunti in Italia. Un altro accordo dovrebbe essere firmato a breve tra l’Italia e il Qatar per un valore di 1 miliardo per investimenti in imprese medie e piccole”. La nota sottolinea come ”uno dei compiti del governo sia proprio quello di promuovere all’estero il sistema imprenditoriale italiano (il secondo settore manifatturiero nell’area euro, caratterizzato da imprese fortemente orientate all’esportazione) e convincere gli investitori a sostenere lo sviluppo delle imprese italiane”. Si ricorda poi che ”sul fronte specifico dell’attrazione degli investimenti, il governo ha recentemente facilitato l’accesso al mercato internazionale dei capitali alle imprese non quotate, liberalizzando l’emissione di obbligazioni societarie. Con il riordino degli incentivi alle imprese (primo decreto crescita) e la costituzione del Fondo per la Crescita sostenibile e’ stata individuata una specifica destinazione finanziaria per interventi di supporto all’internazionalizzazione ed attrazione d’imprese dall’estero. Le semplificazioni e le liberalizzazioni introdotte nei mesi passati – sottolinea ancora la nota di palazzo Chigi – hanno fatto dell’Italia un Paese piu’ aperto e amico al fare impresa, come ha anche riconosciuto la Banca Mondiale nel suo ultimo rapporto ‘doing business’. E’ stato approvato dal Governo un pacchetto per fare dell’Italia un sistema fortemente attrattivo per le start up innovative e presto sara’ operativo il nuovo Desk Italia che costituira’ l’unica porta di accesso per gli investimenti piu’ strategici nel nostro Paese”.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Passera: i cinesi guardano a Italia per investimenti

”I cinesi sono molto interessati agli investimenti nel nostro paese. Ci sono dossier importanti, molte opportunita’ di investimento e sono diversi gli operatori cinesi che guardano ad aziende italiane”. E’ quanto ha detto il ministro dello sviluppo economico, Corrado Passera, partecipando ad una serata a Shanghai di incontro con la locale comunita’ italiana d’affari, dopo la due giorni a Pechino. Accompagnato dal presidente dell’agenzia Ice, Riccardo Monti, dal presidente di Sace, Giovanni Castellaneta, dall’ambasciatore italiano a Pechino Attilio Massimo Iannucci e dal console generale italiano a Shanghai Vincenzo de Luca, Passera ha incontrato oltre 200 imprenditori e manager dislocati nella Cina orientale, riuniti nello Shanghai Italian Center. ”Abbiamo lavorato – ha detto Passera – affinche’ il Sistema Italia che qui a Shanghai funziona bene, potesse diventare una norma nel paese. Sulla questione economica italiana, siamo dovuti intervenire per evitare disastri maggiori, la spending review ha evitato peggiori problemi”. A Pechino il ministro dello sviluppo economico aveva incontrato sia i vertici del fondo sovrano cinese China Investment Corporation, sia esponenti della Bank of China che dell’autorita’ che si occupa dei marchi che lavora per la proprieta’ intellettuale. ”Con l’autorita’ per i marchi – ha detto il ministro – abbiamo avuto un incontro molto importante, con impegni seri sul rispetto delle proprieta”. Per Passera, l’incontro con il Cic e’ stato di ”grande soddisfazione”. Il ministro ha detto che le banche cinesi sono molto interessate all’Italia ma non ha ravvisato questioni sul fatto che non ci sia reciprocita’ con le cinesi che possono liberamente in Italia ma le italiane (straniere in generale) non possono operare allo stesso modo in Cina. La visita di Passera si chiudera’ domani con un incontro con potenziali investitori cinesi e aziende che gia’ investono in Italia come Huawei (del quale Passera incontrera’ il presidente), Cosco, Shanghai Electric, Chery International.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)

Passera a Pechino: in pochi anni Cina primo partner commerciale Italia

Nel suo primo giorno in Cina, il ministro dello sviluppo economico Corrado Passera ha incontrato oggi a Pechino il ministro del commercio Chen Deming, i vertici della Bank of China, una delle quattro grandi banche pubbliche cinesi, e del Fondo sovrano. Passera ha affermato che negli incontri i suoi interlocutori cinesi hanno confermato la ”grande attenzione” con la quale da Pechino si guarda al nostro Paese e alle opportunita’ di investimento che offre per i capitali cinesi. Il ministro ha aggiunto che nel corso dei colloqui sono emersi nuovi settori di interesse da parte cinese, tra cui l’energia e la ”green economy” e ha ricordato che gli scambi tra Italia e Cina hanno avuto un’impennata negli ultimi anni. Oggi la Cina e’ il terzo partner commerciale (dopo Germania e Francia) del nostro Paese e potrebbe diventare il primo entro pochi anni, ha sottolineato il ministro. In un’intervista alla televisione di Stato, la Cctv, Passera ha riaffermato la solidita’ dell’ euro e della costruzione europea che, ha sottolineato, e’ ”un progetto di portata storica”. Il ministro dello sviluppo economico ha messo in guardia l’ audience cinese dall’ ascoltare le ”voci” che parlano di disgregazione dell’ Unione Europea e di fallimento della moneta unica. ”Sono voci messe in giro da chi vuol speculare”, ha affermato, aggiungendo che i mercati sono spesso irrazionali. Sulla politica del governo del quale e’ parte, Passera ha affermato che ha seguito una linea basata ”sull’ equilibrio tra austerita’ e crescita”, ricordando che la sua priorita’ e’ stata quella di ”convincere il resto del mondo che l’ Italia avrebbe fatto tutto quello che era necessario per riportare in ordine i conti pubblici”. Il ministro ha declinato di rispondere a una domanda sulle primarie del Partito Democratico, ”non per cattiveria, ma perche’ ho deciso si astenermi da commenti sulla politica italiana”. Passera ha partecipato – ”nel quadro di una missione che ci sta dando grande soddisfazione” – al lancio dell’ iniziativa Vini Italiani in Cina, un Paese che e ‘ diventato negli ultimi anni il primo importatore di vini del mondo. ”Ma noi non siamo il primo esportatore sul mercato cinese”, ha sottolineato Passera, affermando che ” possiamo giocarcela meglio di quanto abbiamo fatto fin adesso”, con un processo di promozione che ”avra’ il suo culmine nell’ Expo di Milano del 2015, quando l’ Italia sara’ la centro dell’ attenzione mondiale”. Domani, Passera terra’ un discorso alla Scuola Centrale del Partito Comunista Cinese e poi partira’ per Shanghai, seconda e ultima tappa della sua missione cinese.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia)