Archivi tag: chengdu

Michelle Obama ha salutato la Cina tra panda e polemiche

Si conclude con qualche venatura polemica la missione cinese di Michelle Obama: sei giorni di “diplomazia gentile” per avvicinare Usa e Cina, anche sul piano della comprensione culturale. Dopo le frasi sulla libertà di espressione come “diritto universale”, la first lady si e’ concessa un pranzo in ristorante tibetano: un modo soft per lanciare un messaggio alle autorità cinesi sul Tibet. Il programma di oggi ha avuto un forte impatto mediatico. Michelle Obama ha infatti visitato la Chengdu Research Base of Giant Panda, la piu’ importante riserva di panda della Cina. Dando delle mele da mangiare ad uno degli animali, la First lady americana ha fatto la gioia di fotografi e cameramen. Giunta al sesto e ultimo giorno della sua missione in Cina, la moglie del presidente americano Barack Obama ha poi sottolineato un motivo di dissenso tra Usa e Cina,scegliendo di recarsi a mangiare in un ristorante tibetano di Chengdu, che e’ la capitale della provincia del Sichuan e una delle metropoli cinesi emergenti. La Cina considera il Dalai Lama, il leader tibetano in esilio, un pericoloso secessionista, mentre gli Usa lo ritengono un moderato e insistono con la Cina perche’ riprenda a dialogare con lui. La sosta nel ristorante Zangxiang Teahouse e’ stata decisa, secondo la Casa Bianca, “in linea con l’interesse (della First Lady) verso i diritti delle minoranze”. Nel Sichuan vive una numerosa comunita’ tibetana, tradizionalmente ostile verso Pechino. Circa la meta’ delle 120 “autoimmolazioni” di protesta compiute da tibetani negli ultimi tre anni si sono verificate nel Sichuan. La visita di Obama al ristorante tibetano – dove le sono stati offerti una serie di piatti basate sulla carne di yak – ha suscitato le ire dei nazionalisti cinesi. Intervenendo sui siti di comunicazione sociale uno di loro ha scritto che la scelta della First Lady “ha un forte significato politico, e vuole far capire che gli Usa guardano con attenzione alla politica verso il Tibet”. Nel corso del viaggio, nel quale e’ stata accompagnata dalle due figlie di 13 e 16 anni e dalla madre Marian Robinson, Michelle Obama si e’ dedicata a quella che la stampa cinese ha definito una “diplomazia gentile”. La First Lady ha visitato scuole e universita’ mettendo l’ accento sulla necessita’ di scambi culturali che consentano ai cittadini dei due paesi di comunicare e di approfondire la conoscenza reciproca. Arrivata in Cina il 20 marzo, Michelle Obama ha visitato Pechino e Xi’an, la città dei guerrieri di terracotta, prima di raggiungere Chengdu.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

Bo XIlai presenta appello a sentenza di ergastolo

Bo Xilai, l’ex capo del partito di Chongqing condannato all’ergastolo per corruzione, ha presentato appello davanti all’Alta Corte della provincia dello Shandong. Lo riferisce la stampa locale. Bo è stato condannato all’ergastolo il 22 settembre scorso per corruzione, abuso di potere e appropriazione indebita. Già nei giorni immediatamente successivi alla condanna si erano diffuse voci circa la volontà dell’ex politico di fare appello contro la sentenza da lui definita ingiusta. Durante le udienze Bo Xilai ha cercato di scardinare le accuse a suo carico e confermate anche dalle testimonianze della moglie, Gu Kailai, in carcere per l’omicidio dell’uomo d’affari britannico Neil Heywood. Accuse che erano state confermate anche dal suo ex braccio destro, il super poliziotto Wang Lijun, condannato a 15 anni per tradimento, per aver accettato tangenti per un valore di oltre tre milioni di yuan, per abuso di potere e uso della legge a fini personali.

Lascia un commento

Archiviato in sol dell'avvenire

Bo Xilai vuole chiede l’appello alla sentenza di condanna

Secondo voci che si stanno rincorrendo su internet, Bo Xilai, l’ex papavero cinese condannato ieri all’ergastolo, ha presentato appello alla sentenza. Anche se mancano conferme ufficiali, la voce si sta facendo insistente. Sin da prima che il tribunale emettesse la sentenza di condanna per corruzione, abuso di potere e appropriazione indebita, si erano diffuse le voci che l’ex segretario del partito di Chongqing, di Dalian, ex ministro del commercio cinese ed ex governatore del Liaoning, avrebbe presentato ricorso se condannato. Alla fine della lettura della sentenza, ieri mattina dinanzi alla corte Intermediate di Jinan, nella provincia orientale dello Shandong, un portavoce del tribunale aveva detto che Bo Xilai non aveva espresso pubblicamente il desiderio di ricorrere. Secondo la legge cinese, il condannato ha dieci giorni di tempo per proporre appello.

Lascia un commento

Archiviato in sol dell'avvenire

Mano dura contro Bo Xilai, prigione a vita

E’ stata una corte della città orientale di Jinan, nella provincia dello Shandong, a scrivere la parola fine alla saga di Bo XIlai, uno dei più potenti e più in vista uomini politici in Cina negli ultimi anni, uno di quelli destinati, a detta dei più, ad occupare posti di rilievo nel gotha della politica cinese. Con una sentenza all’ergastolo (che molti osservatori cinesi e internazionali dicono scritta dai vertici del Partito Comunista Cinese), che somma il carcere a vita per corruzione a 15 anni per appropriazione indebita e a 7 per abuso di potere, è stato messa, per ora, la parola fine al “processo del secolo”, l’ultimo atto della storia più scabrosa che ha scosso la Cina da decenni, probabilmente la più seria dal punto di vista politico dal 1976, da quando Jiang Qing, vedova di Mao Zedong, fu arrestata insieme ai suoi sodali della Banda dei quattro per essere poi processata tra il 1981 e il 1982. Una storia di tradimenti, di tangenti, di omicidi, di politica, che potrebbe sembrare uscita dalla penna del miglior scrittore di gialli se non fosse vera. Dinanzi a 116 selezionate persone, tra le quali il primo figlio di Bo Xilai e due suoi fratelli, il presidente della corte, Wang Xuguang, ha detto che il 64nne ex papavero cinese ha “gravemente danneggiato gli interessi del paese e del popolo, avendo commesso seri crimini”. Concetto espresso più tardi anche in un editoriale dell’organo del partito, che uscirà domani ma che è stato anticipato a grandi linee in serata dall’agenzia Nuova Cina, secondo il quale “condannando Bo Xilai in ossequio alla legge si rispetta pienamente il principio che nessuno è esentato dalla disciplina del partito e dalla legge nazionale e chiunque sia involto in faccende di questo tipo deve essere indagato e severamente punito secondo la legge”. In queste parole, anche il senso politico della condanna a Bo Xilai, ultima e più importante vittima della campagna anti corruzione voluta dal presidente Xi Jinping (altro principino rosso). Corruzione che, come ricorda l’editoriale del Quotidiano del Popolo, “è ancora dilagante e viene nutrita fortemente sul territorio”. La sentenza è stata mediatica, doveva colpire la gente, far capire che con il partito e i suoi valori non si scherza: la corte ha annunciato i fatti salienti della condanna sul suo account di Sina Weibo, il Twitter cinese, dove ha postato anche le foto di Bo Xilai in pantalone nero e camicia bianca, in manette tra due poliziotti. La televisione di stato, ha seguito a fondo l’evento. Bo ha fatto di tutto per difendersi. Nei cinque giorni di processo dal 22 al 26 agosto scorsi, ha accusato i suoi accusatori: sua moglie Gu Kailai (all’ergastolo per l’omicidio dell’uomo d’affari britannico Neil Heywood) in primis, dicendo che è pazza; il suo ex braccio destro e primo accusatore Wang Lijun, dicendo che aveva suoi interessi e che era l’amante di sua moglie; smentendo la confessione che aveva fatto ammettendo alcune accuse, dicendo di averla fatta solo dietro torture. I giudici hanno negato tutte queste circostanze e lo hanno ritenuto colpevole di aver intascato 20,44 milioni di yuan (2,5 milioni di euro) di tangenti in soldi e beni: 1,1 milioni direttamente lui, il resto tramite sua moglie. Tra questi, anche una lussuosa villa nel sud della Francia. Bo si sarebbe anche appropriato di 5 milioni di yuan di denaro pubblico, mentre sua moglie e suo figlio (che studia negli Usa) avrebbero avuti centinaia di milioni in viaggi. Nei prossimi dieci giorni Bo può presentare appello e fra 13 anni potrebbe uscire comunque sulla parola. Per intanto, si aprono per lui le porte della prigione di Qincheng a Pechino, considerato un albergo a cinque stelle, che ospita altri ex esponenti dell’establishment cinese e che ha ospitato anche la vedova di Mao. In una cella singola di 20 mq, con bagno, alti soffitti, finestre e riscaldamento, Bo non sarà costretto a vestire con il “pigiama a righe” e potrà, secondo quanto è scritto su Sina, avere latte al mattino e una selezione di zuppe e pasti per pranzo e cena. Dopotutto, è un principino.

1 Commento

Archiviato in sol dell'avvenire

Processo a Bo Xilai celebrato anche su internet

Ridda di reazioni sulla rete a commento della sentenza di condanna all’ergastolo per Bo Xilai, l’ex papavero e principino rosso, ritenuto colpevole di appropriazione indebita, corruzione e abuso di potere. La censura cinese si e’ allentata in quello che forse è il primo vero processo via internet della storia cinese, dal momento che la stessa corte di Jinan dove si è celebrato il processo, ha aperto un suo account su Sina Weibo (il Twitter cinese) pochi giorni prima che cominciassero le udienze il 22 agosto, attirando migliaia di followers. Se prima infatti era quasi impossibile trovare o trasmettere notizie e tweet sull’ex segretario del partito di Chongqing, oggi si sono scatenati tutti. In tantissimi hanno seguito i tweet che la corte inviava nei momenti salienti della lettura della sentenza e ha fatto impressione a tutti la foto postata sullo stesso profilo nella quale Bo Xilai è in manette. Ma online, Bo continua ad avere proseliti, i supporter del suo populismo sono ancora tanti. “Io non conosco la politica – ha scritto Shuang – ma gli credo. Ha fatto bene, ci ha fatto stare tutti bene”. Altri invece ironizzano sulla pensione dorata nella quale Bo è destinato: una stanza ad un letto di 20 mq con bagno riservato nel carcere di Qincheng a Pechino, considerato un hotel 5 stelle per i potenti. Nella stessa prigione, infatti, furono rinchiusi la vedova di Mao Zedong e la banda dei quattro, tra gli altri. “Non credo verrà trattato come un normale prigioniero”, ha scritto Liu. “Se mi dovete arrestare, mandatemi nella stessa sua prigione – scrive Tuyihuakai – vorrei servire lui acqua e té, fare qualsiasi cosa, io lo rispetto. Non avrò mai pentimenti per quello che farò per lui, finchè campo”. Qualcuno ipotizza che in galera ci resterà poco. “Anche se la legge dice che fra 13 anni potrà uscire sulla parola – scrive Zhang Yu – immagino che con qualche escamotage sulla salute lo faranno uscire prima”. Parla di sentenza non inaspettata Chen Youxi, presidente del Jing Heng law Group, uno dei più importanti penalisti cinesi. “Non è stata una sorpresa. Dal punto di vista procedurale, è stato un processo aperto, oggettivo, anche se ci sono problemi nel sistema di gestione e in quello penale. Non credo che la sentenza possa fermare la corruzione, che cresce rigogliosa”.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria, sol dell'avvenire

Bo Xilai condannato all’ergastolo

Bo Xilai, ex segretario del partito di Chongqing, è stato condannato all’ergastolo. La sentenza è stata appena letta dal presidente del collegio nella Jinan Intermediate People’s Court di Jinan. Bo Xilai è stato riconosciuto colpevole di corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere. Per il primo reato è stato condannato all’ergastolo, 15 anni per appropriazione indebita e 7 per abuso di potere. Privato delle proprietà (molto verrà restituito ai governi locali) e dei diritti politici. La corte ha smentito che le dichiarazioni dell’uomo siano state estorte con la forza, rigettando tutte le tesi della difesa. Il processo si era tenuto dal 22 al 26 agosto scorsi. Secondo diverse fonti di stampa, l’ex principino rosso farà appello alla sentenza. Fino alla sua caduta in disgrazia, Bo Xilai era considerato uno degli astri emergenti della politica cinese e destinato ad importanti incarichi.

Bo XIlai mentre ascolta la sentenza

Bo XIlai mentre ascolta la sentenza

In due processi paralleli, sono stati già condannati sua moglie, Gu Kailai (alla pena di morte commutata poi in ergastolo per l’omicidio e dell’uomo d’affari britannico Neil Heywood) e ad una pena di 15 anni Wang Lijun, ex capo della polizia di Chongqing ed ex braccio destro di Bo Xilai, dalle cui dichiarazioni è cominciata l’indagine che ha portato alla caduta di Bo Xilai. Le fasi salienti della udienza di oggi sono state pubblicate dalla stessa corte sul suo profilo Weibo, il twitter cinese.

Lascia un commento

Archiviato in sol dell'avvenire

Ergastolo a Bo Xilai, si chiude saga.

A vedere le immagini pubblicate sul sito della Intermediate People’s Court di Jinan, nella Cina orientale, nessuno penserebbe che quell’uomo con pantaloni neri un po’ corti, camicia bianca, intento, in mezzo a due poliziotti, ad ascoltare la sentenza di condanna all’ergastolo che lo riguarda, sia Bo Xilai, uno degli astri più luminosi della politica cinese, figlio di un padre della patria, destinato egli stesso ad incarichi di prestigio. Ed invece quell’uomo di 64 anni, con un sorriso sardonico, era proprio l’ex segretario di Chongqing, di Dalian ed ex ministro del commercio, colpevole, secondo il tribunale, di corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere. Passerà ora la sua vita nella prigione di Qincheng, a Pechino, a meno che entro dieci giorni da lunedì non presenti ricorso, che questo venga accolto e che si riveda in senso benevolo la sua condanna. Tutto, o quasi, molto improbabile. La condanna di Bo Xilai è l’epitome della guerra alla corruzione che Xi Jinping, presidente cinese e segretario del partito, altro principino rosso e da molti ritenuto avversario di Bo almeno in quanto ad aspirazioni di potere, sta conducendo in Cina. La saga di Bo, degna dei migliori giallisti, a dire il vero comincia prima della nomina di Xi a guidare la Cina. Le accuse contro di lui riguardano comunque il periodo dal 1993 al 2007 quando è stato prima sindaco di Dalian, poi suo segretario politico, poi governatore della provincia del Liaoning e poi ministro del commercio. In questi ruoli, avrebbe abusato del suo potere per incamerare soldi e favori per se e per la sua famiglia. Secondo la corte, avrebbe intascato beni per almeno 20,44 milioni di yuan, quasi 2,5 milioni di euro. Tra questi, anche una lussuosa villa nella Francia meridionale. Altre tangenti, beni, biglietti aerei e altro destinati a sua moglie e a suo figlio, non sono stati riconosciuto come tangenti. La corte, che ha informato il mondo del processo attraverso i tweet inviati sul loro account nel twitter cinese, Sina Weibo, ha respinto al mittente tutte le tesi difensive. Bo era arrivato a dire, durante il processo celebrato dal 22 al 26 agosto scorso, che la testimonianza della moglie Gu Kailai (condannata l’anno scorso alla pena di morte commutata in ergastolo per la morte di Neil Heiwood) non doveva essere presa in considerazione perchè lei era pazza. Ha anche detto che quanto Wang Lijun, il suo ex braccio destro e principale accusatore, aveva riferito non doveva essere preso in considerazione perchè amante di sua moglie. Respinte anche le accuse di testimonianze estorte con le torture. Ma niente, la corte ha deciso di chiudere così il “processo del secolo”, l’ultimo atto della storia più scabrosa che ha scosso la Cina da decenni, probabilmente la più seria dal punto di vista politico dal 1976, da quando Jiang Qing, vedova di Mao Zedong, fu arrestata insieme ai suoi sodali della Banda dei quattro per essere poi processata tra il 1981 e il 1982. Su internet molti siti raccolgono ora commenti di utenti. Per alcuni analisti internazionali il processo ha dimostrato ancora una volta come quella cinese sia una giustizia parziale, per altri la condanna di Bo è ingiusta (ha moltissimi sostenitori in Cina), per altri è anche troppo leggera. Una cosa è certa: la condanna di Bo e degli altri papaveri di Pechino caduti nei mesi scorsi sotto la scure di Xi Jinping e della sua crociata anti corruzione, fa acquistare appeal al segretario del Partito mostrando che nessuno è indenne da possibili condanne. Soprattutto gli avversari politici.

Lascia un commento

Archiviato in sol dell'avvenire