Archivi tag: cancellazione post

Arrestati tre dipendenti del principale motore di ricerca per cancellazione post

Tre impiegati di Baidu, il piu’ grande motore di ricerca cinese, sono stati arrestati perche’ si facevano pagare da persone esterne per eliminare i post dal sito. Lo riferisce la stampa locale. Un quarto e’ stato licenziato ma non arrestato in quanto avrebbe solo provato ad effettuare la cancellazione di post dietro pagamento, senza pero’ riuscirci. ”Tutti e quattro sono stati licenziati – ha affermato un funzionario di Baidu – se scopriremo altri casi simili provvederemo a punire severamente queste persone”. In Cina sono moltissime le aziende che pagano delle apposite societa’ affinche’ controllino il contenuto dei vari post messi online dagli utenti, chiedendo poi la cancellazione di quelli considerati inappropriati o con contenuti ‘sensibili’. Un impiegato della Beijing Haotian Lianmeng, un’azienda specializzata in controllo della rete e in cancellazione dei post, ha fatto sapere che cancellare un articolo all’interno di un forum costa circa 1000 yuan (poco piu’ di 100 euro), cancellare un post all’interno di un blog ne costa 2000 e cancellare una notizia o parte di essa postata all’interno di un portale di news, come ad esempio Sina.com, puo’ arrivare a costare anche oltre 3000 yuan. ”Noi offriamo un servizio professionale – ha spiegato un funzionario della azienda – scegliendo un pacchetto completo per un anno si paga intorno ai 150.000-200.000 yuan (da 16.000 a 21.000 euro all’anno circa, ndr) ma si ottiene un controllo permanente e la cancellazione di tutti i messaggi negativi”. Secondo Wang Sixin, professore di legislazione dei media presso l’Universita’ per la Comunicazione in Cina, le aziende hanno tutto il diritto di cancellare i commenti che possano essere considerati negativi per loro o falsi o inappropriati, ma cio’ deve avvenire legalmente.

Lascia un commento

Archiviato in Navigar m'è dolce in questo mare, Taci, il nemico ci ascolta