Archivi tag: aflatoxina

100 tonnellate di pesce morto in fiume

Migliaia di pesci morti nel fiume Fuhe, nella provincia centrale dell’Hubei, a causa di un grande quantitativo di ammoniaca rilasciata da un impianto chimico della zona. Secondo quanto ha riferito la stampa locale, circa 100.000 chilogrammi di pesce morto sono stati estratti da un tratto di 40 chilometri del fiume Fuhe, nei pressi della città di Wuhan. Un campione del materiale emerso dal fiume, inviato all’archivio di Scienza e Tecnologia dell’Hubei per accertamenti, ha evidenziato come la densità di ammoniaca abbia raggiunto un valore di 196 mg per litro, un limite di gran lunga superiore alla norma nazionale, secondo il dipartimento provinciale di protezione ambientale. La fabbrica responsabile degli scarichi dannosi è un impianto chimico che si trova nella città di Xiaogan e che è anche quotata in borsa. Il dipartimento provinciale di protezione ambientale ha ordinato alla società di sospendere le operazioni e di verificare le sue strutture di controllo dell’inquinamento. L’incidente ha creato molta preoccupazione tra gli abitanti del villaggio di Huanghualao nel distretto Huangpi di Wuhan, dove la maggior parte dei 2.000 abitanti del villaggio vive proprio di pesca nel fiume Fuhe.

Lascia un commento

Archiviato in E' bell'o magnà

Almeno 548 studenti intossicati da merenda fornita da governo

Sono 548 gli studenti di scuole elementari e medie della provincia nord occidentale cinese del Qinghai, intossicati dopo aver consumato una merenda fornita dalle autorita’. Lo scrive la stampa cinese. Gli allievi di 56 delle 72 scuole primarie e medie di sette citta’ della contea autonoma Hui-Tu ti Datong, sono rimasti intossicati a causa della merenda servita come integratore nutritivo a meta’ mattinata. Alcuni di loro sono ricoverati in gravi condizioni. Ai bambini era stato dato latte e biscotti e sono stati obbligati a prenderlo, nonostante qualcuno si lamentasse della strana puzza del latte. L’integratore nutrizionale fa parte di un progetto del governo di Datong con il quale si fornisce una merenda nutritiva gratuita a 450.000 scolari delle zone rurali, per migliorare le loro condizioni e il loro fabbisogno nutrizionale.

Lascia un commento

Archiviato in E' bell'o magnà

Il 58% dei prodotti non sicuri che arrivano in Europa sono cinesi. Salite segnalazioni nel 2012

E’ cinese la maggior parte dei prodotti non sicuri – soprattutto vestiti (34%), giocattoli (19%) ed elettrodomestici (11%) – segnalati in Europa, e il loro numero è in continua crescita. Secondo i dati del rapporto annuale Rapex, il meccanismo di allerta Ue per le merci pericolose, nel 2012 le segnalazioni sono salite del 26% rispetto al 2011 – unico anno in cui erano calate – ed è salita anche la percentuale di quelle provenienti dalla Cina, ben il 58% contro il 54% di un anno prima. “Dato il volume di export cinese in Europa, sono cifre ancora ragionevoli”, ha affermato il commissario Ue ai consumatori Tonio Borg, ricordando per esempio che il 93% dei giocattoli provengono dalla Cina. In ogni caso, ha assicurato, “Ue e Cina collaborano strettamente” e presto verranno diffusi presso produttori cinesi ed importatori europei video ad hoc per fornire loro informazioni sulla sicurezza dei prodotti. Tra le merci ritirate dal mercato ci sono, per esempio, vestitini per bambini con cordini o decorazioni che potrebbero portare allo strangolamento o al soffocamento, oppure costumi o parrucche giocattolo infiammabili, ma anche laser troppo potenti che possono ferire gli occhi o tessuti contenenti sostanze chimiche vietate. I Paesi da cui proviene il maggior numero (pari al 56%) delle 2.278 segnalazioni del 2012 sono l’Ungheria (15%), la Bulgaria (14%), la Spagna (10%), la Germania (9%) e la Gran Bretagna (8%). L’Italia ha segnalato 54 casi di merci pericolose, pari al 3% del totale, mentre sono 49 i casi di prodotti italiani non a norma, ugualmente pari al 3% del totale, che sono stati notificati a Rapex. Ben l’11% dei prodotti pericolosi, invece, si è rivelato essere di origine sconosciuta. “Per questo abbiamo proposto insieme al commissario Tajani l’obbligo dell’etichettatura d’origine dei prodotti”, ha ricordato Borg. Questa deve però ancora essere approvata da Europarlamento e Consiglio.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Vita cinese

Diciotto morti per avvelenamento da cibo in primi tre mesi del 2013

Diciotto persone sono morte per avvelenamento da cibo in Cina nei primi tre mesi del 2013, il 50% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Lo ha annunciato la Commissione nazionale per la salute e la pianificazione familiare. In particolare, da gennaio a marzo, 755 persone si sono ammalate a causa di cibo avvelenato e 24 sono stati i casi a livello nazionale, rispettivamente il 72.4% e il 41.2% in più rispetto all’anno precedente. La causa della maggioranza dei decessi e delle malattie, secondo il rapporto, é stata l’ingestione di vegetali o animali tossici e funghi velenosi o di cibo avariato. La Commissione ha sottolineato come sia importante per la gente stare attenti in particolare ai batteri presenti nel cibo, sensibile alle contaminazioni specie con l’ arrivo dell’ estate a causa dell’ aumento delle temperature. Le mense scolastiche sono state invitate a effettuare tutti i controlli necessari per garantire la sicurezza del cibo

Lascia un commento

Archiviato in E' bell'o magnà

Intossicazione alimentare per oltre 200 bambini di scuola elementare

Oltre 200 bambini di una scuola elementare della provincia sud occidentale del Sichuan sono stati ricoverati per intossicazione alimentare. I 203 scolari al loro ricovero presentavano febbre, vomito e diarrea. All’inizio era scattata la paura per una infezione da una delle influenze che stanno diffondendosi nel paese, ma al loro arrivo in ospedale, i sanitari dell’ospedale di Ziyang hanno scongiurato contagio da influenza, sia aviaria che suina, riscontrando invece una intossicazione alimentare. Probabilmente i piccoli, arrivati negli ospedali della città dalle 7 alle 10.30 del mattino, hanno mangiato qualcosa di avariato che ha provocato loro forti gastroenteriti. Nessuno è in pericolo di vita anche se diversi sono sotto osservazione. Le autorità hanno aperto un’inchiesta.

Lascia un commento

Archiviato in A Esposizione (l'Expo)

Ikea blocca torte al cioccolato, in Cina scoperte tracce di colibatteri

Dopo le polpette, presentate come di manzo ma contenenti carne equina, un altro prodotto gourmet ‘simbolo’ del colosso dell’arredamento low cost Ikea finisce nel mirino. Si tratta delle torte al cioccolato e mandorle “chokladkrokant”: il gruppo ne ha bloccata la vendita in 23 Paesi, tra i quali l’Italia, dopo che le autorità sanitarie cinesi hanno rilevato nel prodotto tracce di colibatteri. Una misura precauzionale anche se nel nostro paese, ha comunicato Ikea Italia ai carabinieri dei Nas, “non sono presenti lotti” di torte contaminate. La decisione di Ikea è stata presa dopo la distruzione da parte delle dogane cinesi di 1.800 dolci “chokladkrokant” intercettati lo scorso novembre nel porto di Shanghai. Stando al quotidiano anglofono Shanghai Daily, da alcuni test è emerso che i dolci contenevano “un livello eccessivo di batteri coliformi”. Questi batteri, normalmente poco pericolosi per l’uomo, possono però essere la spia di una contaminazione fecale. Le torte ritirate sono state prodotte dal fornitore svedese Almondy. “Vi sono indicazioni secondo le quali la concentrazione dei batteri scoperti è bassa ma dobbiamo conoscere la percentuale esatta e sapere cosa sia accaduto”, ha precisato una portavoce di Ikea, Ylva Magnusson. Ma in Cina, lo stop non ha riguardato solo le torte dell’Ikea. In quella che alcuni hanno definito come una sorta di “offensiva” nei confronti dell’Occidente, infatti, le autorità sanitarie cinesi hanno bloccato anche altri 247 articoli alimentari e cosmetici importati poiché risultati al di sotto degli standard qualitativi previsti. Tra questi, anche formaggi prodotti dalla Kraft, barrette al cioccolato della Nestlé e creme solari della Shiseido. I prodotti, come riporta il quotidiano online ShanghaiDaily.com, sono stati bloccati nei mesi scorsi e sono andati distrutti o rispediti all’origine. Nel caso dei formaggi Kraft, il prodotto era scaduto. Nelle barrette Nestlé, invece, le autorità sanitario hanno rilevato la presenza del dolcificante sorbitolo che, se consumato in eccesso, può provocare danni alla salute. Nelle creme solari Shiseido, poi, è stata rilevata la presenza di cadmio, sostanza che può rivelarsi nociva e velenosa. Quanto alle torte contaminate, anche se Ikea ha escluso la presenza di tale lotto in Italia, gli esperti invitano comunque alla prudenza: “I batteri coliformi non sono in generale pericolosi per l’uomo, ma tutto dipende dal sierotipo del batterio e dalla quantità rilevata”, sottolinea il vicepresidente della Società italiana di igiene, Carlo Signorelli, il quale ricorda come di recente questo tipo di batteri, in particolari gli Escherichia coli, abbiano causato epidemie in Europa con casi anche letali.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in E' bell'o magnà

I cinesi in rete si stupiscono dello scandalo alimentare dei tortellini alla carne di cavallo. Portateceli in Cina, dicono

“Gli europei non sanno fare business: metteteci una etichetta di carne di cavallo organica e vendeteli alla Cina. Ricchi cinesi sono disposti a pagare molto per averli”. Questo è uno dei commenti che sulla rete si stanno susseguendo alla notizia del ritiro, da parte di Findus e Nestlé, dei tortellini, lasagne e di altri prodotti contenenti carne di cavallo in Italia e in Europa. In rete, nei servizi di microblogging, molti cinesi non riescono a capire perché c’é tanto clamore per la notizia, considerando che in Cina, soprattutto nel nord, la carne di cavallo e quella di asino è una prelibatezza. Nel paese che ha il record della contraffazione alimentare, pare strano l’allarmismo europeo su questi prodotti. Quello che molti cinesi non capiscono, è sopratutto che genere di business volevano fare le aziende europee dal momento che in Cina la carne di cavallo è più cara di quella di mucca, senza però crearsi i problemi per la sofisticazione alimentare, ma mettendo soltanto tutto su un piano economico. “Stupidi europei – scrive su Weibo (il Twitter cinese) un utente che si firma ‘tiranno cjn’ – portate tutta questa carne di cavallo e asino nel nord della Cina, dove costa di più”. L’utente Guohong Zhenzhen, invece scrive che “queste, soprattutto la carne di asino, sono le più deliziose fra le carni e ogni cinese lo sa”. “Chi compra questa finta carne di mucca e si trova invece costosa carne di cavallo – scrive Namasan – dovrebbe sentirsi fortunato, anche perché è più buona”. Una situazione simile a quella che sta avvenendo in Italia e in Europa è già accaduta anche in Cina, quando un’azienda di Liaoyang vendette carne etichettata come montone e che invece era anatra a poco prezzo trattata con additivi. Alcuni utenti puntano invece il dito contro la stampa cinese rea, a loro giudizio, di coprire le sofisticazioni alimentari cinesi con questa storia europea. “Questo non è uno scandalo alimentare – scrive un utente – alla fine si tratta sempre di carne. Noi in Cina mangiamo scarpe”, e ancora “carne di cavallo è alla fine sempre carne. In Cina non sappiamo cosa sia davvero la carne. Questi che vivono nei paresi capitalisti chiedono troppo! Noi stiamo morendo per il cibo contaminato che mangiamo. E il governo non risponde alle nostre richieste”.

Lascia un commento

Archiviato in E' bell'o magnà