Tagli fino al 50% per i manager pubblici cinesi

Il presidente cinese Xi Jinping ha approvato una riforma che prevede il taglio di fino al 50% degli stipendi dei funzionari che lavorano come manager delle imprese statali, definendone anche meglio compiti e competenze necessarie. Lo scrive la stampa di Pechino. Secondo la riforma, che avrà due momenti, i manager soprattutto del settore bancario e finanziario vedranno i loro salari tagliati fino alla metà e poi ci sarà un graduale cambiamento nelle loro responsabilità, aumentandole fino a piazzarli nei centri decisionali. Le responsabilità delle gestioni quotidiane, sarà a cura di manager internazionali. L’idea è che al vertice delle aziende statali e nel loro board ci siano cinesi che seguano le direttive governative, mentre gli stranieri possano si lavorarci, ma occuparsi di gestione ordinaria quotidiana. Molti di questi manager interessati dai tagli, hanno anche lo status o sono allo stesso livello di vice ministro o ministro ma sono molto più pagati dei politici, di cui però hanno i privilegi.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in sol dell'avvenire, Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...