Esplosione in fabbrica chimica può rallentare uscita iPhone6

L’esplosione alla fabbrica chimica dello scorso due agosto a Kunshan, nella provincia orientale cinese del Jingsu, che ha provocato la morte di 75 persone, potrebbe provocare un rallentamento della produzione del nuovo iPhone6 della Apple. Lo scrive la stampa di Taiwan. In seguito all’esplosione alla Kunshan Zhongrong Metal Production Company, infatti, le autorità locali hanno deciso una serie di ispezioni in tutte le aziende e le fabbriche della zona, interrompendo le produzioni per oltre 40 di queste, fino a quando non saranno effettuati controlli approfonditi sui sistemi di sicurezza delle fabbriche. Tra gli impianti la cui produzione è stata interrotta, c’è anche uno della taiwanese Foxconn, l’azienda che produce per conto della Apple i ‘melafonini’ e gli altri prodotti della società di Cupertino. Il blocco della produzione potrebbe provocare quindi un rallentamento nell’assemblaggio del nuovo smartphone di casa Apple, ma anche di telefonini dei concorrenti Xiaomi e Meizu.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...