Benzene in acqua potabile, allarme nel nord ovest della Cina

Allarme a Lanzhou, capoluogo della provincia nord occidentale del Gansu, dopo la scoperta di una eccessiva concentrazione di benzene nell’acqua che esce dai rubinetti. Secondo la Nuova Cina, le analisi hanno dimostrato che l’acqua “potabile” della città contiene di media 160 microgrammi di benzene per litro, molto più dei 10 consentiti per legge, con punte di 200 microgrammi per litro. Il divieto di usare l’acqua, contaminata dalla sostanza cancerogena che si usa nella manifattura della plastica, è scattato ora per quasi 2,5 milioni di persone. Si sta indagando sull’origine, che dovrebbe legata agli scarichi di qualche fabbrica. Nessun problema d’inquinamento invece per il Fiume Giallo che attraversa la città. E’ la seconda volta in due mesi che un incidente simile capita a Lanzhou. Lo scorso 6 marzo, nell’acqua potabile della città fu riscontrata una forte concentrazione di ammoniaca.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Polluzione (che dall'inglese significa l'inquinamento)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...