Voleva commemorare Tianamen, 18 mesi di prigione

Un cittadino cinese che aveva chiesto l’autorizzazione a commemorare il massacro del 1989 di piazza Tiananmen e’ stato condannato a 18 mesi di prigione da un tribunale di Changshu (Cina orientale). Gu Yimin e’ stato giudicato colpevole di “incitamento alla sovversione”, ha riferito il suo avvocato Liu Weiguo. L’avvocato ha denunciato di essere stato aggredito nei pressi del tribunale da uomini in borghese che ritiene siano agenti di pubblica sicurezza. Liu ha precisato che Gu ha respinto le accuse e che ritiene di non aver commesso alcuna azione illegale. Centinaia di persone furono uccise nella notte tre il 3 e il 4 giugno del 1989 dai soldati dell’ Esercito di Liberazione Popolare (Pla) intervenuti per sgombrare piazza Tiananmen, nel centro di Pechino. la piazza era stata occupata per due mesi dagli studenti che reclamavano la democrazia. Centinaia di cittadini cercarono di impedire ai carri armati dell’ esercito di raggiungere la piazza e si ritiene che molti di loro siano fra le vittime.

fonte: ANSA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...