Gli negano registrazione di Ong gay, cita in giudizio governo locale

Un uomo di Changsha, nella Cina centrale, ha citato in giudizio le autorità locali dopo che queste hanno rifiutato di registrare la sua associazione per i diritti degli omosessuali: l’omosessualità, è stata la motivazione delle autorità, è “contro la costruzione del progresso culturale e ideologico”. Alla fine del 2013 l’uomo ha effettuato diverse visite al dipartimento Affari civili della provincia dello Hunan, della quale Changsha è capoluogo, per registrare la sua associazione di volontariato, ricevendone sempre un rifiuto. L’ultima volta i funzionari hanno detto che l’associazione avrebbe dovuto operare secondo la morale e che un’associazione gay non dovrebbe essere creata, quindi non registrata. L’uomo, del quale non è stata resa nota l’identità, ha chiesto le scuse del dipartimento che però non ha mai risposto, da qui la decisione di avviare la causa, riporta l’agenzia Nuova Cina. L’omosessualità in Cina, che resta ancora un argomento tabù, è stata rimossa dall’elenco dei disordini mentali nel 2001, ma sono ancora molti i luoghi nei quali i gay vengono forzati anche dalle famiglie a seguire trattamenti medici. In alcuni casi, gli omosessuali vengono arrestati con le accuse più disparate.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...