Indagata JpMorgan, assunto giovane cinese raccomandata

La banca d’investimento americana JP Morgan è sotto inchiesta per aver assunto una giovane donna cinese raccomandata da un alto funzionario governativo, la cui influenza avrebbe potuto fruttare vantaggi finanziari alla società. Lo rivela il New York Times, che è entrato in possesso di documenti legati all’indagine in corso sui rapporti tra le grandi banche americane e le autorità cinesi. L’anno scorso, il giornale aveva rivelato che la stessa JP Morgan ha pagato 1,8 milioni di dollari ad una società cinese di consulenze, la cui presidente era la figlia dell’ex premier Wen Jiabao. Secondo le nuove rivelazioni la giovane sarebbe stata raccomandata all’amministratore delegato della banca, Jaime Dimon, da Xiang Junbo, presidente della China Insurance Regulatory Commission. Il giornale precisa che nè Dimon, nè Xiang sono stati accusati di aver commesso irregolarità. “Alle banche – si legge nell’articolo – non è vietato di assumere familiari o amici dei funzionari cinesi. Un’assunzione sarebbe una violazione della legge solo se si può dimostrare che una banca ha esplicitamente scambiato un’offerta di lavoro con affari procurati da funzionari pubblici”. L’inchiesta è partita la scorsa primavera e si è estesa ad altre sei banche: Citigroup, Credit Suisse, Deutsche Bank, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Ubs.

fonte: ANSA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...