Gruppo jihadista rivendica attentato a Tiananmen

Un gruppo jihadista, il sedicente “Partito islamico del Turkestan” ha rivendicato l’attacco a piazza Tiananmen a Pechino del 28 ottobre scorso, tre i morti. “Si è trattato di una operazione jihadista”, afferma il Site, il centro di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web: il gruppo ha pubblicato un comunicato del loro leader, in lingua uighura. “E’ solo l’inizio”, afferma la sigla. Già tre giorni dopo l’attentato – che causò anche una quarantina di feriti e in cui persero la vita, oltre alle vittime, tre kamikaze – Meng Jianzhu, massimo responsabile della sicurezza in Cina, aveva parlato di un attacco ”organizzato e premeditato” con la complicità del Movimento Islamico del Turkestan dell’Est (Etim): un gruppo legato all’ internazionale islamica del terrore con basi in Afghanistan e nelle aree tribali del Pakistan, che si richiama a una vasta regione geografica (un tempo chiamata Turkestan) estesa fino a parte dell’Asia centrale ex sovietica. Secondo le autorità cinesi, l’Etim avrebbe in effetti dato ”appoggio” logistico agli attentatori suicidi. Dopo l’attacco, 5 persone di etnia uighura erano state del resto già arrestate a Pechino come presunti fiancheggiatori dei kamikaze. Gli uighuri sono una minoranza etnica di religione musulmana originaria del Xinjiang, nel nordovest della Cina. I nazionalisti uighuri indicano il territorio in cui vivono come ‘Turkestan dell’Est’.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...