Pesanti condanne per 20 uighuri nello Xinjiang

Due tribunali cinesi hanno condannato 20 esponenti della minoranza etnica degli uighuri a pesanti pene detentive nella tormentata regione nordoccidentale del Xinjiang, secondo un comunicato del governo provinciale. I tribunali di Kashgar e di Bayingol hanno affermato che i condannati avevano ”le menti avvelenate dall’estremismo religioso” e che erano pronti a scatenare la ”guerra santa” nella regione. Gli esuli uighuri accusano il governo di Pechino di esagerare ad arte la minaccia dell’ estremismo religioso per giustificare la repressione contro la minoranza etnica. Gli uighuri, turcofoni e di religione islamica, sono gli abitanti originari della regione ma oggi sono in minoranza a causa della massiccia immigrazione di cinesi di etnia han dalle zone piu’ povere del Paese. Dilxay Raxit, un portavoce del Congresso Mondiale degli Uighuri, ha affermato che i condannati sono in realta’ responsabili di aver ascoltato l’ emittente americana Radio Free Asia e di aver discusso su Internet di liberta’ culturale e religiosa. Il Xinjiang e’ ricco di materie prime e si trova in una posizione strategica ai confini con Afghanistan, Pakistan, India e con le repubbliche dell’ Asia centrale.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...