Toyota ferma parte produzione in Cina a seguito dissidi tra Pechino e Tokyo

La casa automobilistica giapponese Toyota ha annunciato la sospensione di alcune parti di produzione nell’impianto di Tianjin, non lontano da Pechino, a causa del crollo di vendite in Cina. Lo ha annunciato la stessa compagnia in un comunicato diffuso in Cina. La linea di assemblaggio dell’impianto di Tianjin, il più grande in Cina, é stata fermata da ieri. Non si sa quante linee sono state fermate ne per quanto tempo lo saranno. La settimana scorsa si era diffusa la notizia che per questa settimana la società avrebbe chiuso totalmente la fabbrica, notizia poi smentita. Nell’impianto si producono, tra gli altri, la Corolla, la Crown, Rav4 e la Vios. Annualmente sono 500.000 le vetture che escono dall’impianto di Tianjin che rappresentano il 60% totale della produzione cinese. Si stima che la Toyota, pur non avendo ancora diffuso numeri esatti, abbia registrato un calo di vendite in Cina di più del 30%. Il calo è dovuto principalmente al clima di tensione fra Cina e Giappone a causa della contesa sulle isole Diaoyu/Senkaku che il Giappone ha nazionalizzato il mese scorso. Le proteste per la mossa di Tokyo ha portato in Cina a numerose manifestazioni di piazza anche violente, nelle quali molti obiettivi giapponesi, come le auto, sono stati presi di mira.

Lascia un commento

Archiviato in 'E renare (i soldi, l'economia), Accà e allà (notizie dall'area)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...