Rilasciata madre condannata ai campi dei lavoro

E’ stata rilasciata stamattina dalle autorita’ della provincia centrale cinese dell’Hunan, la donna che era stata condannata a 18 mesi nei campi di lavoro per aver creato ”disordine pubblico” chiedendo giustizia per la figlia che era stata rapita e costretta a prostituirsi quando aveva 11 anni. Lo riferisce l’agenzia Nuova Cina. La donna, Tang Hui, era stata condannata per aver fatto picchetti, bloccato strade, urlato contro funzionari pubblici lamentando che la polizia avrebbe alterato le prove per ridurre le pene contro gli aguzzini di sua figlia. Dopo che il caso aveva suscitato anche molte polemiche nella rete, con la gente che chiedeva compassione per la povera madre, la corte ha deciso di lasciarla andare anche in considerazione del fatto che la figlia di Tang, che ora ha 17 anni, e’ ancora minorenne e necessita dell’assistenza e delle cure della madre. La ragazzina, infatti, dopo aver subito violenze ripetute durante il periodo del rapimento, ha anche contratto una malattia venerea che l’ha resa sterile e non ha mai superato psicologicamente l’accaduto. Lo scorso 5 giugno due dei suoi aguzzini sono stati condannati a morte e altri tre a pene detentive severe, fino all’ergastolo.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...