Giro di vite su prostitute cinesi

Giro di vite in Cina contro la prostituzione straniera. Secondo il corpo di pubblica sicurezza di Pechino, nei giorni scorsi la polizia ha fatto irruzione in un bar della capitale nel quartiere di Chaoyang e ha arrestato 15 donne sospettate di esercitare la prostituzione, incluse quattro straniere e chiudendo il locale. Gli arresti rientrano, come ha fatto sapere Ou Yang, un ufficiale della polizia di Pechino, in una campagna iniziata nell’aprile del 2010 contro la prostituzione. Secondo Dai Peng, direttore del dipartimento per le indagini penali presso l’universita’ cinese di pubblica sicurezza, da quando la Cina si e’ maggiormente aperta al mondo, c’e’ stato un aumento della prostituzione proveniente dall’estero, soprattutto sud est asiatico, ex blocco sovietico oltre a Filippine. Molte delle prostitute straniere che esercitano la loro professione in Cina entrano con un visto turistico o per studio. ”Il fatto – ha aggiunto Dai – e’ anche che la prostituzione si e’ sviluppata in maniera nascosta. La gente spesso preferisce mettersi in contatto con le prostitute attraverso internet, per cui poi e’ difficile per la polizia indagare”. La prostituzione e’ teoricamente illegale in Cina. Nell’ aprile 2010, la polizia aveva arrestato oltre 1.100 persone a Pechino e aveva chiuso diversi locali di intrattenimento, night club e karaoke.

Lascia un commento

Archiviato in Diritti incivili, Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...