La Cina nomina vescovo senza autorizzazione Vaticano, gelo in vista

La Chiesa ”patriottica” cinese ha nominato ieri un nuovo vescovo che non aveva l’approvazione del Papa, ignorando le proteste della Santa Sede. Si tratta delle prima nomina decisa unilateralmente dalle autorita’ cinesi dal 2006 e appare destinata a provocare una crisi nei gia’ difficili rapporti tra Pechino e il Vaticano. Joseph Guo Jincai, 42 anni, un prete attivo nell’Associazione dei cattolici patriottici cinesi che riconosce il governo di Pechino e non il Papa come autorita’ suprema, e’ stato ordinato vescovo di Chengde, nel nord della Cina in una cerimonia alla quale hanno preso parte circa 500 persone e le autorita’ locali. Secondo l’agenzia dei missionari AsiaNews, tre vescovi che sono ”in comunione spirituale” col Papa sono stati costretti a partecipare alla cerimonia dopo esser stati ”sequestrati”. In marzo, aggiunge ‘ agenzia, la Santa Sede aveva dato indicazioni ai vescovi approvati di non partecipare ad attivita’ ”che sono in contraddizione con la comunione spirituale con il Papa”. Il portavoce vaticano Federico Lombardi ha affermato giovedi’ scorso che ”queste azioni” rappresentano ”una grave violazione della liberta’ di religione e della liberta’ di coscienza”, che ”turba” la Santa Sede. Ancora piu’ pesante il giudizio di Joseph Zen, il cardinale cinese che risiede a Hong Kong, secondo il quale la nomina di Guo Jincai e’ ”illeggittima” e ”vergognosa”. Liu Bainian, vicepresidente e di fatto leader dell’Associazione dei cattolici patriottici ha affermato che la disapprovazione del Vaticano ”non e’ un problema che ci riguarda”. Il leader dei cattolici cinesi filo governativi ha aggiunto che la nomina era necessaria ”per il bene della Chiesa in Cina”. ”Abbiamo aspettato per due anni (il parere del Vaticano) e non potevamo aspettare piu’ a lungo”, ha aggiunto. All’accordo informalmente raggiunto nel 2006 per la nomina concertata dei vescovi era seguito un periodo di dialogo tra le due parti, che ha visto tra l’altro l’Orchestra filarmonica di Pechino esibirsi in Vaticano alla presenza di Deng Rong, figlia dello scomparso leader cinese Deng Xiaoping. Nel 2007 papa Benedetto XVI ha inviato una lettera ai cattolici cinesi invitando al dialogo i cattolici ”patriottici” e quelli rimasti fedeli alla Santa Sede. La lettera non e’ stata ben accolta da Pechino che ne ha impedito la diffusione su Internet. Il Vaticano e Pechino non hanno relazioni diplomatiche dal 1951, quando l’allora nunzio apostolico abbandono’ la Cina comunista per trasferirsi a Taiwan. La Cina chiede come condizione per il ristabilimento delle relazioni che la Nunziatura torni a Pechino e che la Santa Sede riconosca la Repubblica Popolare come ”unica” Cina. Il Vaticano ha dichiarato piu’ volte la sua disponibilita’ a questo passo ma l’ostacolo piu’ grosso sulla via del dialogo sembra essere il destino dell’Associazione ”patriottica”, l’organismo che dal 1957 ha la responsabilita’ dei cattolici in Cina e che in presenza di un rapporto diretto tra Pechino e la Santa Sede vedrebbe drasticamente ridotto il proprio ruolo. Oggi l’Associazione ha circa quattro milioni di aderenti mentre si ritiene che i cattolici ”non riconosciuti”, cioe’ fedeli al Papa, siano almeno il doppio.

fonte: Ansa

3 commenti

Archiviato in L'oppio dei popoli

3 risposte a “La Cina nomina vescovo senza autorizzazione Vaticano, gelo in vista

  1. Pingback: Nominato vescovo in Cina con approvazione Papa | ParteCineseParteNopeo

  2. Paolo

    OT
    Ciao,ho letto che il Dalai vorrebbe lasciare la sua carica, tu ne sai niente?
    http://www.repubblica.it/esteri/2010/11/21/news/dalai_lama_lascia-9336631/?ref=HRER2-1

    • sinonapoletano

      Si, è una notizia Ansa fatta da un mio caro collega di Delhi. La cosa è comunque nell’aria da anni, lui più volte ha dichiarato di voler fare il monaco e basta. Forse potrebbe essere arrivato il momento, anche perché lui sa bene che probabilmente uscendo di scena, la Cina potrebbe ammorbidire la sua posizione sul Tibet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...