Collisione di una nave della Costa con un’altra nave, feriti. E scappano 33 cinesi

Costa Classica, 4.46 del mattino ora di Shanghai: è emergenza a bordo. La nave, in avvicinamento al porto cinese con a bordo quasi esclusivamente passeggeri cinesi e filippini, entra in collisione con una nave da carico, la Lowlands Longevigty, battente bandiera belga. Il comandante attiva le misure di sicurezza, scatta il piano di evacuazione. Ma poco dopo l’allarme rientra e il bilancio, alla fine, si rivela meno grave di quanto temuto: tre feriti lievi e danni riparabili in pochi giorni. L’incidente, sulla dinamica del quale la compagnia crocieristica ha avviato accertamenti in collaborazione con la Marine Safety Administration of Shanghai, é avvenuto mentre Costa Classica rientrava dopo una crociera di 3 giorni a Jeju (Corea del Sud), dove un’altra vicenda, dai contorni misteriosi, aveva già attirato l’attenzione su quella crociera: la scomparsa, rivelata da fonti di stampa locale (il quotidiano cinese Global Times, che cita l’agenzia di stampa sud coreana Yonhap), di 33 passeggeri di nazionalità cinese, probabilmente sbarcati per cercare lavoro illegalmente in Corea del Sud. Costa Classica (53.000 tonnellate di stazza e 1.680 Ospiti totali), opera in Cina e in Estremo Oriente dal 2009 svolgendo itinerari differenziati secondo le stagioni, sia per la clientela locale che per quella internazionale. In particolare, crociere dai 4 ai 6 giorni in Corea del Sud, Giappone oppure Taiwan, e crociere più lunghe fino a 14 giorni in Vietnam, Indonesia, Thailandia, Malesia. I porti di partenza di Costa Classica sono Hong Kong, Singapore, Shanghai e Tianjin. L’impatto con la nave da carico ha danneggiato dodici cabine, al ponte 5. Alcuni passeggeri, subito dopo l’incidente si sono rivolti al personale sanitario di bordo per lievi lesioni. Tre di questi, cinesi, una volta arrivati a Shanghai, dove la nave é approdata alle 10, sono stati inviati in ambulatori di terra per ulteriori accertamenti e poi dimessi. Gli altri sono sbarcati e per loro è stato organizzato il rientro a casa con l’assistenza della compagnia. Intanto sono iniziati i lavori di riparazione ma non si è potuto evitare la cancellazione della crociera Shanghai – Giappone – Corea del Sud – Hong Kong, che doveva partire oggi. Quanto ai passeggeri cinesi scomparsi, la polizia sudcoreana é ancora sulle loro tracce. Secondo le informazioni, all’inizio erano 44 i passeggeri cinesi scomparsi, 30 uomini e 14 donne, ma 11 sono stati successivamente trovati dalla polizia e sono attualmente “sotto la protezione dell’ufficio immigrazione dell’amministrazione di Jeju”, come scrive l’agenzia sud coreana. Un impiegato dell’ufficio immigrazione ha detto alla stampa che i cinesi avevano con loro i bagagli ma non i passaporti che hanno detto di aver lasciato a bordo. Secondo l’agenzia di stampa di Seoul, è la prima volta che avviene un fatto del genere.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...