Addio cartucciere, in Cina si copia con stile agli esami

Tempo di esami in Cina per i giovani che devono andare al college e la polizia ha aumentato i controlli sulla vendita e sull’utilizzo di attrezzature elettroniche che servono per imbrogliare. Solo oggi, gli agenti hanno arrestato 64 persone sospettate di aver venduto strumenti elettronici di vario tipo a studenti. Micro trasmittenti, cellulari di piccolissime dimensioni, micro scanner e altri strumenti sono stati confiscati dalla polizia pochi giorni dopo l’arresto di otto tra insegnanti e genitori che stavano preparando attrezzature elettroniche per permettere ai ragazzi di imbrogliare e superare agevolmente gli esami. Da stamattina, oltre 9,57 milioni di studenti in Cina si sottopongono agli esami per 6,57 milioni di posti nelle universita’ del Paese. Gli esami sono nazionali, i migliori punteggi danno l’accesso alle migliori universita’. E la competizione e’ fortissima, tanto da mettere sotto pressione da tempo gli studenti e spingere molti di loro a trucchetti e mezzi illeciti. Un vero e proprio mercato parallelo di oggetti elettronici e’ fiorito in ogni citta’ e sui blog e sui social network si trovano gli indirizzi e i trucchi migliori da utilizzare per superare l’esame. Il ‘gaokao’, come e’ conosciuto l’esame di ammissione al college in Cina, e’ il piu’ temuto anche perche’ segna il futuro di ogni giovane cinese. Entrare in una buona universita’ significa avere la strada spianata per il futuro, soprattutto per lavori in aziende internazionali, molto ambite dai giovani. I test, si legge sui social network, sono molto difficili, anche perche’ la pressione dei genitori e’ tanta, cosi’ anche il paese cerca di creare un clima favorevole agli studenti. Oggi a Pechino e Shanghai, ad esempio, la polizia ha favorito il passaggio delle auto nelle quali c’erano studenti, senza farli bloccare nel traffico. Per evitare rumori che potessero rovinare il sonno gia’ agitato degli studenti, nella capitale cinese sono state vietate le consegne notturne ai siti di costruzioni e alcune linee di autobus notturni che passavano intorno a dormitori delle scuole, sono stati dirottati ad altre vie. La polizia stradale e’ anche pronta ad accompagnare gli studenti a scuola se dovessero risultare bloccati da ingorghi di traffico. Nella provincia orientale dello Jiangxi, i bar e gli internet cafe’ sono stati chiusi in anticipo per permettere agli studenti di evitare distrazioni ed essere concentrati sullo studio. Ma, avendo scoperto il mercato degli oggetti tecnologici utili ad imbrogliare, la polizia di tutto il paese ha messo su delle task forces utili a combattere il fenomeno. Cosi’ ci sono agenti che monitorano internet alla ricerca di indizi, scuole che hanno istallato metal detector e scanner per controllare gli studenti prima che entrino nelle aule, altre scuole che hanno istallato telecamere a circuito chiuso. La polizia sta anche effettuando controlli approfonditi sulle carte di identita’, per evitare che ci siano delle sostituzioni di persona. In alcune provincie, funzionari del ministero delle telecomunicazioni e agenti di polizia, monitoreranno le reti wireless e invieranno dei segnali a disturbare le comunicazioni, cosi’ da impedire la diffusione dei risultati.

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...