Esame di marxismo per aspiranti giornalisti

La Cina introdurra’ un esame di Stato per gli aspiranti giornalisti, che sara’ basato sulla conoscenza ”della storia del giornalismo del Partito Comunista Cinese e del punto di vista marxista sulle notizie e sull’ etica dei mezzi di comunicazione di massa”. Lo ha dichiarato Li Dongdong, vicedirettrice dell’ Amministrazione Generale della Stampa e delle Pubblicazioni, l’ organismo statale che esercita uno stringente controllo sulle pubblicazioni cinesi. Li ha aggiunto che l’ istituzione del nuovo esame, che sara’ obbligatorio per avere il tesserino da giornalista senza il quale il mestiere non puo’ essere esercitato in Cina, e’ stata decisa in seguito all’ ”aumento delle lamentele del pubblico sulle volgarita’, il cattivo gusto e la mancanza di etica” dimostrata dalla stampa cinese. L’ anno scorso un reporter del Quotidiano dei Contadini, Li Junqi, e’ stato condannato a 16 anni di prigione per aver accettato una ”bustarella” di 200mila yuan (circa 20mila euro) in cambio del suo silenzio su un incidente in una miniera. Huang Yu, insegnante di giornalismo all’ Universita’ di Hong Kong, ha dichiarato al quotidiano South China Morning Post di ritenere che la decisione di introdurre l’ esame ”abbia molto piu’ a che fare con la paura del dissenso che col desiderio di sradicare il giornalismo non professionale e disonesto”.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in Vita cinese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...